Libero
TECH NEWS

Come è fatto Exynos 2400, il chip dei Galaxy S24

Con i nuovi Samsung Galaxy S24 debutta anche il chip 2400 con cui Samsung punta a sfidare Qualcomm e lo Snapdragon 8 Gen 3

samsung-exynos-2400 Fonte foto: Samsung

Samsung ha svelato ufficialmente i nuovi Samsung Galaxy S24, i top di gamma con cui l’azienda punta a riconquistare la leadership del mercato dopo aver dovuto fare i conti con il sorpasso da parte di Apple nel corso del 2023. Anche quest’anno, la gamma è composta da tre varianti: oltre al flagship Galaxy S24 Ultra ci sono anche il Galaxy S24 con display da 6,2 pollici e il Galaxy S24+  con display da 6,7 pollici.

Per questi due modelli, inoltre, la scheda tecnica comprende il nuovo chip Exynos 2400 mentre il Galaxy S24 Ultra ha il chip Snapdragon 8 Gen 3, proposto in una variante dedicata, chiamata “For Galaxy“. Il nuovo Exynos 2400 arriva dopo un anno di pausa (lo scorso anno, i Galaxy S23 sono stati lanciati tutti con Snapdragon 8 Gen 2) e punta a rappresentare un’alternativa valida al chip di Qualcomm per la fascia alta.

Samsung Exynos 2400: com’è fatto

Il nuovo Exynos 2400 è realizzato con processo produttivo a 4 nm LPP+ di Samsung Semiconductor ed integra una CPU composta da 10 core. La configurazione scelta da Samsung per la CPU del suo Exynos 2400 è molto diversa rispetto a quella del suo diretto predecessore, l’Exynos 2200, che adottava un core ad alta potenza Cortex X2 oltre a tre core a media potenza, Cortex A710, e quattro core a bassa potenza, per contenere i consumi, Cortex A510.

Il nuovo Exynos 2400, invece, è composto da quattro cluster:

  • un core Cortex X4 da 3,2 GHz
  • due core Cortex A720 da 2,90 GHz
  • due corte Cortex A720 da 2,6 GHz
  • quattro corte Cortex A520 da 2 GHz

Sono confermati i quattro core a bassa potenza e alta efficienza mentre i tre core intermedi dell’Exynos 2200 sono sostituiti da due cluster di Cortex A720 che si differenziano per la frequenza di funzionamento. A questo core viene affidata la gestione di compiti che richiedono una potenza di calcolo medio-alta.

Confermato il singolo core ad alta potenza che, però, è più evoluto e ha una frequenza di clock più elevata (passando da 2,8 GHz dell’Exynos 2200 a 3,2 GHz).  Secondo quanto sostiene Samsung, il nuovo Exynos 2400 è in grado di offrire prestazioni superiori fino a 1,7 volte rispetto al suo predecessore per quanto riguarda la CPU.

A completare le caratteristiche del SoC troviamo la GPU Xclipse 940, basta su architettura AMD RDNA 3, che dovrebbe migliorare in modo significativo le prestazioni grafiche, con un passo in avanti netto per il ray tracing nei giochi e la possibilità di utilizzare l’upscaling potenziato dall’IA e l’FSR, per ottenere un frame rate più elevato.

C’è anche un nuovo ISP oltre al supporto alle memorie RAM LPDDR5X e alle memorie UFS 4.0. Il chip consente l’elaborazione direttamente sul dispositivo delle funzionalità che richiedono l’IA, grazie a un  nuovo AI Engine. Il miglioramento delle prestazioni AI, secondo Samsung, è notevole.

Il chip di nuova generazione della gamma Exynos è in grado di offrire prestazioni superiori fino a 14,7 volte rispetto al suo predecessore per quanto riguarda l’intelligenza artificiale. Con il modem 5G integrato, inoltre, il chip può gestire una connessione dati fino a 12,1 Gbps in dowlink (con collegamento 5G NR mmWave).

I dispositivi con Exynos 2400

Per il momento, Samsung ha ufficializzato il nuovo Exynos 2400 esclusivamente per i Samsung Galaxy S24 e S24+ (e solo in alcuni mercati; negli USA, in Canada e in Cina, ad esempio, gli smartphone citati hanno lo Snapdragon 8 Gen 3). Nel corso dei prossimi mesi, il chip potrebbe essere proposto su nuovi smartphone e/o su nuovi tablet. Al momento, però, non ci sono conferme ufficiali o indiscrezioni in merito.