Libero
APP

Come funziona Microsoft Copilot per Android

Microsoft Copilot ora è anche un'app per smartphone Android: l'AI generativa diventa multidispositivo e multi OS

Da poche ore è disponibile l’app Android di Microsoft Copilot, il nuovo assistente digitale basato sull’AI generativa di ChatGPT che ha sostituito, sui PC Windows, il precedente Bing Chat. Anche su Android, e a breve su iOS, Copilot è in sostanza un chatbot evoluto che riunisce il meglio (e il peggio) dell’AI sviluppata da OpenAI e finanziata da Microsoft. Con l’app, però, questa tecnologia è ora disponibile anche su smartphone, anche a chi non ha nemmeno un PC con Windows.

Cosa può fare Copilot per Android

Innanzitutto, per usare Copilot per Android basta scaricarlo dal Play Store di Google: si tratta di un’app abbastanza leggera, gratuita e facilmente utilizzabile da tutti anche in italiano (lo stesso Copilot traduce i comandi e le risposta in/dall’inglese).

Una volta installata l’app, una delle prime cose da fare è attivare GPT-4 Turbo che, anche se il nome suggerirebbe il contrario, rallenta le risposte ma le rende molto più complesse, accurate e creative.

Una volta fatto ciò, si può iniziare a usare Copilot per Android. L’app può essere utilizzata come un motore di ricerca, con la differenza che il risultato non sarà un elenco di link ma una risposta creata dall’AI, oppure può essere usata per generare del testo, del codice, o delle immagini originali, grazie all’integrazione della tecnologia di Dall-e.

L’immagine che vedete in apertura, ad esempio, è stata generata da Copilot per Android con prompt “crea un’immagine di un robot che usa Copilot per Android“. E’ facile notare che ci sono degli errori grafici e degli errori di concetto: nella parte sinistra dell’immagine il robottino verde invade lo spazio dello schermo del laptop e, soprattutto, non ci dovrebbe essere alcun laptop visto che parliamo di un’app per smartphone.

Tuttavia, innegabilmente, si tratta di uno strumento affascinante per i creativi e con un enorme potenziale di crescita.

Gratis, ma con registrazione

A proposito di immagini create dall’AI: questa è una delle funzioni di Copilot che richiede l’accesso all’app con un account Microsoft. Se l’utente non ha un account Microsoft, ad esempio perché non ha mai usato il sistema opertivo Windows o il browser Edge, dovrà registrarne uno per accedere alle funzioni avanzate di creazione dei contenuti.

Per il resto, l’uso dell’app è gratuito e prevede un po’ di pubblicità tra un riultato e l’altro. Ci sono, però, dei limiti per non sovraccaricare i server di Microsoft: con un solo account, ad esempio, è possibile creare non più di 30 immagini. Lo stesso accadrà anche con la versione per iOS, che è in arrivo.

L’accesso all’app tramite account Microsoft, inoltre, permette all’utente di portarsi dietro la cronologia dei prompt anche in caso di utilizzo di Copilot su più sistemi operativi e su più device. Ad esempio su smartphone Android e su computer Windows.