sicurezza-online Fonte foto: Shutterstock
HOW TO

Come navigare online senza lasciare traccia

Quando navighiamo in Internet la nostra privacy è messa in pericolo, esistono, però, tutta una serie di strumenti da usare per proteggere l'anonimato

5 Ottobre 2017 - Quando navighiamo in Rete la nostra privacy è costantemente in pericolo. Siti, app e social media raccolgono un sacco di informazioni riservate su di noi. Esistono alcuni “trucchetti” da utilizzare su Internet per non lasciare troppe tracce della nostra presenza online.

Il primo consiglio può sembrare banale, ma è molto utile soprattutto per non lasciare troppe informazioni nella Cronologia di navigazione del nostro computer. Quando apriamo una nuova finestra del nostro browser è consigliabile utilizzare la navigazione in incognito.Quando usiamo una ricerca in “modalità privata” nessun ricerca effettuata verrà salvata nella cronologia del browser. Va detto comunque che da sola questa modalità di navigazione non è sufficiente per proteggere la nostra privacy. Il nostro provider e i siti ai quali accediamo, infatti, possono comunque monitorare parte della nostra presenza online.

Virtual Private Network

Per avere una maggiore privacy sul web è sempre consigliabile l’uso di una VPN, o Virtual Private Network. Questo sistema ci aiuta a rimanere anonimi, anche se utilizziamo delle connessioni Wi-Fi pubbliche. La VPN, infatti, crittografa i dati in entrata e in uscita dal PC. È un’ottima soluzione anche per migliorare la nostra sicurezza informatica. Va detto comunque che le VPN mostrano il nostro ISP (Internet Service Provider) quando andiamo in Rete.

Usare Browser specifici

Per evitare di lasciare troppe tracce durante le nostre ricerche online uno dei migliori browser web da utilizzare è Tor. Questo sistema utilizza delle funzioni simili a una VPN per far “rimbalzare” la nostra attività su Internet in diverse parti del mondo, rendendo in questo modo più difficile il monitoraggio da parte di aziende o agenzie governative. Il prezzo da pagare è una maggiore lentezza nel caricamento delle pagine rispetto ai classici browser come Chrome, Firefox o Safari.

Contenuti sponsorizzati