Libero
SMART EVOLUTION

Come sarà Meta Quest 3, lo sfidante del visore Apple Reality Pro

Mark Gurman di Bloomberg ha provato in anteprima il prototipo di Meta Quest 3, rivale diretto dell’Apple Reality Pro che sarà rivelato nel corso del WWDC 2023

meta quest 2 Fonte foto: Meta

A poche settimane dall’arrivo di Apple Reality Pro, che sarà quasi certamente presentato durante il WWDC 2023, arriva a sorpresa una gustosa indiscrezione su Meta Quest 3, considerato sin da adesso il principale rivale del visore AR/VR di Apple. A parlare del dispositivo di Meta è Mark Gurman di Bloomberg che ha avuto modo di provare un prototipo, testandone le potenzialità e le funzionalità.

Ma specifiche tecniche a parte, secondo Gurman, a fare davvero la differenza sarà il prezzo, con Meta che sta cercando in tutti i modi di scavalcare Apple e conquistare l’ambito mercato dei visori per la realtà mista.

Meta Quest 3: come sarà

Stando a quanto condiviso da Gurman, il Meta Quest 3 sarà più piccolo e più leggero rispetto al Meta Quest 2 attuale (in foto). L’azienda ha optato anche per un cambio di materiali, con il tessuto (molto più confortevole) che prende il posto della plastica sui lati del dispositivo.

Cambia anche la parte frontale che contiene i sensori integrati, le videocamere pass-through e la videocamera classica che, in questa nuova versione, sono tutte a colori. Presente sul davanti anche una videocamera per la profondità.

Nella parte bassa del dispositivo, invece, trovano posto due videocamere di tracciamento e i controlli per la regolazione del volume e della distanza interpupillare (IPD), facilmente raggiungibili senza togliere il visore. Al lato, invece, sono stati posizionati il tasto di accensione e la porta USB-C per la ricarica e il trasferimento dati.

Stando a quanto rilevato da Gurman durante il test, tutto di questo nuovo Quest 3 è stato migliorato rispetto al passato, con Meta che ha optato per componenti più efficienti e performance migliorate, grazie anche all’utilizzo di un processore Qualcomm Snapdragon XR2 di 2° generazione.

Meta Quest 3 Vs. Apple Reality Pro

Per quanto riguarda l’Apple Reality Pro, le indiscrezioni che circolano in rete sono quelle condivise dai pochissimi tester che hanno avuto la possibilità di provare in anteprima l’atteso visore Apple.

Se da un lato Meta ha dalla sua parte un certo bagaglio di esperienza in materia di realtà virtuale, dall’altra Apple avrebbe dalla sua un comparto tecnico più performante, un dettaglio che giustificherebbe anche il prezzo elevato.

Un particolare che potrebbe fare la differenza è l’Eye Tracking, assente dal Quest 3 ma presente nel visore di Apple. Questa tecnologia estremamente sofisticata consente di rilevare il punto esatto che l’utente sta guardando, permettendo al computer di assegnare maggiore potenza di calcolo agli oggetti presenti in quel preciso spazio e meno a tutto il resto.

Ciò permette una resa visiva migliore e, allo stesso tempo, un forte risparmio di risorse di calcolo. Risparmio che si ripercuote, ovviamente, anche sui consumi del dispositivo e, quindi, sulla sua autonomia con una singola carica.

Una molto simile è adottata anche dal visore Sony PS VR2 per PlayStation 5 e che, effettivamente, è molto costosa. Per cui la scelta di Meta di escluderla dal suo dispositivo potrebbe essere dettata dalla volontà di portare sul mercato un visore VR/AR economico.

Altra tecnologia assente dal Quest 3 ma presente su Apple Reality Pro è la videocamera per rilevare le espressioni del volto dell’utente.

Come appena visto in termini di prestazioni e di precisione, il nuovo visore di Meta potrebbe essere leggermente inferiore rispetto all’Apple Reality Pro, tuttavia a fare davvero la differenza sarà il prezzo: Quest 3 dovrebbe avere un prezzo compreso tra i 400 e i 500 dollari, contro gli oltre 2.000 dollari (e forse anche 3.000) previsti per l’Apple Reality Pro.