homepage di facebook Fonte foto: Redazione

Facebook non è più gratis: ecco il perché

Da inizio agosto la dicitura "È gratis e lo sarà per sempre" è scomparsa da Facebook per far spazio a "È veloce e semplice". Cosa è cambiato? Ecco il perché

29 Agosto 2019 - L’home page di Facebook è cambiata ad inizio agosto, anche se quasi nessuno se ne è accorto visto che la maggior parte di noi accede direttamente al proprio profilo personale. Facendo, però, attenzione alle parole scritte nell’homepage si notano dei cambiamenti: ora Facebook non è più “gratis e lo sarà per sempre“.

Se accediamo alla homepage del social network da non loggati vediamo il claim pubblicitario utilizzato da Facebook per convincere gli utenti a iscriversi alla piattaforma.Fino a qualche settimana le parole scelte erano “È gratis, e lo sarà per sempre“. Adesso, invece, l’iscrizione a FacebookÈ veloce e semplice“. Il cambio di slogan è presente sia nella home page statunitense che in quelle degli altri Paesi dove Facebook è attivo, Italia inclusa. Quindi adesso il social di Mark Zuckerberg non è più gratis? Cosa è cambiato? Ma, soprattutto, perché Facebook ha deciso dopo tanti anni di cambiare?

Facebook gratis: cosa è cambiato

In realtà non è cambiato nulla, come in realtà Facebook non è mai stato realmente gratis. Il vecchio detto “Se non lo stai pagando, il prodotto sei tu” è sempre stato azzeccatissimo per questo social che, come ormai sappiamo benissimo, fattura miliardi di euro vendendo a terzi spazi pubblicitari basati sulle informazioni raccolte sui nostri gusti, preferenze, amici. Facebook, quindi, non inizierà a chiederci dei soldi per mantenere online il nostro profilo perché, in fin dei conti, gli conviene molto di più che i suoi 2,4 miliardi di utenti non paghino nulla.

Questione di definizioni

Se Facebook è gratis, ma guadagna dalla raccolta dei nostri dati, dovrebbe dirlo chiaramente in home page prima di farci iscrivere. E’ quello che pensano in molti ed è più o meno quello che chiede ufficialmente in Italia l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM). Anche negli Stati Uniti e in altri Paesi europei ci sono richieste simili nei confronti di Facebook che, però, al momento non ha inserito nulla di simile sul suo sito e nell’app. La rimozione della frase “E’ gratis e lo sarà per sempre“, quindi, potrebbe anche essere una mossa per evitare ulteriori problemi.

Sarà quasi tutto gratis

Squadra che vince non si cambia, dice il detto. Quindi è assai improbabile che Facebook modifichi le sue politiche commerciali o il suo modello di business e inizi a farci pagare per collegarci al nostro profilo. Anche perché i bilanci confermano che non farlo rende di più che farlo. Quello che potrebbe invece cambiare, in un futuro non molto lontano, sono Facebook Watch e la futura tab News. Per i video Facebook potrebbe scegliere di farci pagare un abbonamento, simile a quello richiesto dai vari Netflix & Co, mentre per le notizie è in corso una trattativa con gli editori che potrebbe portare Facebook a chiederci una sottoscrizione, per poi girarne una parte ai giornali che leggiamo tramite il social.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963