facebook-menlo-park Fonte foto: Sundry Photography / Shutterstock.com

Facebook vuole mappare la popolazione mondiale

Facebook vuole mappare la popolazione mondiale grazie all’Intelligenza Artificiale. Scopri tutto sul progetto e qual è il suo obiettivo

9 Aprile 2019 - Facebook ha in mente di mappare la popolazione mondiale? Questo è quanto emerge da un progetto che coinvolge lIntelligenza Artificiale e che è stato presentato per la prima volta dalla società nel 2016. All’epoca, la piattaforma aveva già analizzato la popolazione presente in 22 Nazioni.

Pochi giorni fa è stata confermata l’intenzione di procedere con questa idea. Le nuove mappe coprono la maggior parte dell’Africa, ma l’intenzione di Mark Zuckerberg è di leggere tutto il globo. . Al momento, l’azienda dispone di mappe ad alta risoluzione che coprono la maggior parte del pianeta, la vera sfida è trasformarle in informazioni utili, ovvero capire qual è la densità della popolazione nelle differenti aree fotografate. Questo processo richiederà molto tempo, ma senza dubbio l’azienda riuscirà a raggiungere questo ambizioso obiettivo. Naturalmente, Zuckerberg ha un obiettivo finale, che non è difficile immaginare.

Facebook e la mappatura della popolazione mondiale: ultimi risultati

Il progetto è ormai in lavorazione da tre anni, ed è stato necessario affidarsi ai migliori ingegneri e tecnologie del globo per portarlo avanti fino a questo momento. Facebook ha usato i dati di un precedente sistema open source chiamato Open Street Map per insegnare all’intelligenza artificiale a leggere le immagini satellitari, ed in particolare farle capire come distinguere edifici e palazzi da terreni non occupati e inabitati.

Facebook ha molta fiducia sui moderni sistemi di machine learning, e ha rivelato che sono molto più precisi e veloci rispetto a quelli usati nel 2016. Per mappare il continente africano, gli algoritmi hanno analizzato 11,5 miliardi di immagini. Il lavoro dell’intelligenza artificiale è stato affiancato da un team di esperti, i ricercatori del CIESIN (Center for International Earth Science Information Network) della Columbia University. Gli esperti e collaboratori hanno confermato l’accuratezza delle recenti immagini, che hanno portato a risultati straordinari e che permetteranno di completare il progetto entro due anni. Insomma, i risultati sono eccezionali, ma molti si chiedono: a cosa servono tutti questi dati?

Perché Facebook vuole mappare la popolazione del mondo?

Facebook rivela che i dati verranno usati per operazioni umanitarie. Rilascerà gratuitamente tali mappe alle associazioni ed enti di soccorso in caso di disastri o calamità naturali, oppure per realizzare una rete di vaccinazioni che possa coprire tutto il mondo, senza escludere nessuno. Ecco perché le recenti mappe si sono concentrate sull’Africa, un continente a lungo trascurato da analisi e controlli. Le mappe sulla densità della popolazione potranno quindi aiutare team umanitari ad individuare le aree di intervento. Naturalmente, queste informazioni potranno essere anche applicate a livello commerciale. Non a caso, quando Facebook nel 2016 presentò il progetto come un modo per “dare la connessione a chi non ce l’ha”, in poche parole un modo per aumentare gli iscritti alla piattaforma. Facebook sta cercando delle soluzioni per riuscire ad ottenere un altro miliardo di utenti e sapere esattamente come è distribuita la popolazione, aiuterà l’azienda ad adottare strategie mirate.

Contenuti sponsorizzati