Libero
HOW TO

Come usare il navigatore di Maps dove non c'è connessione

In caso di rete debole o assente è possibile utilizzare Google Maps in modalità offline, scaricando cioè una porzione di mappa da utilizzare per la navigazione

Google Maps è diventato ormai un alleato imprescindibile per i viaggiatori che, grazie al celebre navigatore di Google, possono orientarsi alla perfezione in qualsiasi parte del mondo. In certi casi, però, può capitare di visitare zone con connessione a Internet scarsa o assente e, chiaramente, questo non consentirà di utilizzare Maps normalmente. Fortunatamente c’è una soluzione chiamata navigazione offline che, essenzialmente, consiste nello scaricare sul proprio smartphone le mappe da utilizzare, appunto, senza il bisogno della rete mobile.

Con questo sistema, però, bisognerà scendere a compromessi e in modalità offline non saranno disponibili le utilissime informazioni sul traffico, eventuali percorsi alternativi in caso di incidenti, le indicazioni sul trasporto pubblico e tutto ciò che richiederà una connessione a Internet per reperire le informazioni in tempo reale.

Come utilizzare Google Maps offline su Android

Sugli smartphone con sistema operativo Android, come ben noto, Google Maps è già installato di default. Per scaricare le mappe offline basta andare nel menù laterale, raggiungibile facendo tap sull’icona con il nome utente, e selezionare l’opzione Mappe offline dove sarà possibile vedere le parti di mappa scaricate in automatico dall’applicazione che, generalmente riguardano i posti più frequentati, e quelli registrati dall’utente come Casa o Lavoro.

Qui ci saranno anche le mappe consigliate che andranno, invece, prelevate manualmente. La parte alta del menu è quella che permette di selezionare la porzione della mappa da scaricare, è sufficiente fare tap su Seleziona la tua mappa e ingrandire o rimpicciolire l’area di interesse. Una volta fatto questo, non resta che procedere con il download e, in caso di rete assente, Google Maps attingerà automaticamente a queste informazioni per la navigazione.

In alternativa è anche possibile digitare il luogo di interesse nella barra di ricerca e fare tap sui tre puntini in alto, selezionando sempre l’opzione Scarica mappa offline. Si ricorda che prima di procedere con il download Google indicherà all’utente il peso della mappa scaricata.

Come scaricare le mappe offline su iOS

Anche su iOS e iPadOS per scaricare una porzione di mappa offline bisogna seguire la medesima procedura appena vista su Android. L’utente dovrà, quindi, andare nel menu laterale raggiungibile dall’icona con il nome utente e fare tap su Mappe Offline.

A questo punto si potrà avere accesso mappe scaricate in automatico oppure fare tap sull’opzione Mappa personalizzata e selezionare dallo schermo l’area di interesse. Anche in questo caso, dopo aver cercato un luogo dalla barra di navigazione, si può fare tap sui tre puntini in alto e selezionare l’opzione Scarica mappa offline

Come usare Google Maps offline

Una volta scaricata la porzione di mappa di cui si ha bisogno si può utilizzare Google Maps normalmente e senza che l’applicazione abbia bisogno di traffico dati (che comunque sarà necessario per il download delle mappe). Naturalmente è possibile utilizzare le mappe offline anche per risparmiare batteria e connessione, per farlo basta andare nel menu laterale e attivare l’impostazione Solo Wi-Fi o, in alternativa, disattivare i dati del telefono.