Libero
ANDROID

Mediatek Dimensity 1200: la risposta low cost a SD 888 e Exynos 2100

Due nuovi processori per salire di livello: la corsa per i SoC top di gamma ha un nuovo concorrente.

Nonostante da qualche anno Qualcomm domini il mercato dei SoC di alto livello per gli smartphone top di gamma, la recente risposta di Samsung con il suo Exynos 2100 lascia sperare che ci sia ancora spazio per altri concorrenti. Come Mediatek, che ha appena presentato due nuovi processori per smartphone di alta gamma: Mediatek Dimensity 1200 e Dimensity 1100.

Prodotti entrambi da TSMC con processo 6 nm, mentre gli altri due sono prodotti da Samsung con processo a 5 nm, i nuovi SoC di Mediatek alla prova dei fatti dovrebbero piazzarsi su un gradino di prestazioni un po’ più basso ma avere prezzi decisamente competitivi. Con questi processori, infatti, l’azienda di Taiwan cerca di uscire dal poco profittevole limbo dei processori di media gamma, quelli per gli smartphone sotto i 500 euro, e di salire di livello sbarcando su prodotti più evoluti e che richiedono più capacità di elaborazione. Prestazioni a parte, che andranno testate sul campo su smartphone reali di produzione, le caratteristiche tecniche dei Mediatek Dimensity 1200 e 1100 li mettono quasi alla pari dei concorrenti: uno smartphone con i nuovi Dimensity, infatti, potrà fare le stesse cose che fa uno smartphone con Snapdragon 888 o Exynos 2100. Ma forse in modo meno fluido e consumando più energia.

Mediatek Dimensity 1200/1100: caratteristiche tecniche

I due nuovi SoC di Mediatek sono dei processori a 8 core ARM ad alta frequenza. Il 1200 ha una configurazione 1+3+4: 1 core A78 a 3 GHz, 3 core A78 a 2,6 GHz e 4 core a55 a 2 GHz. Il 1100, invece, è un 4+4: 4 core A78 a 2,6 GHz e 4 A55 a 2 GHz. Il primo, quindi, rispetto al secondo sarà più potente a far girare le app che usano un solo core, mentre sarà equivalente in tutto il resto.

Sia il Qualcomm Snapdragon 888 che l’Exynos 2100 hanno una configurazione 1+3+4, con gli stessi identici core (vengono realizzati tutti su disegno di ARM, che ne ha i brevetti) e con frequenze quasi equivalenti.

La grossa differenza, quindi, non sta nelle CPU ma nelle GPU, dove i nuovi Mediatek sulla carta sono inferiori. I due Mediatek hanno infatti una GPU Mali G77 MC9 a 9 core, mentre l’Exynos ha una Mali G78 MP14 a 14 core, mentre lo Snapdragon 888 ha una GPU Adreno 660.

Altra grande differenza, a sfavore del Dimensity 1200/1100, è la RAM: mentre i due competitor supportano la più moderna e veloce tecnologia LPDDR5, i due SoC di Mediatek si fermano alla LPDDR4X d precedente generazione.

Mediatek Dimensity 1200/1100: i punti forti

I due nuovi Dimensity invece non sfigurano in quanto a possibilità di sfruttare schermi ad alta definizione e refresh (QHD+ a 90Hz o FHD+ a 168Hz), a connessioni (5G, Wi-Fi 6 e Bluetooth 5.2). Ottimo, infine, il supporto ai moderni sensori fotografici: la risoluzione massima della fotocamera principale dello smartphone è infatti di 200 MP, esattamente come lo Snapdragon 888 e l’Exynos 2100.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963