google meet Fonte foto: Primakov / Shutterstock.com
APP

Su Google Meet arriva il Saver Mode, a cosa serve

La nuova funzione permette di risparmiare energia e limitare il consumo di dati sui dispositivi mobile mentre facciamo le videochiamate.

Si chiama Meet Saver Mode ed è una delle novità più interessanti e utili introdotte di recente da Google Meet per consentire di ridurre il consumo di batteria nel corso delle videochiamate. Il sistema rientra nelle feature aggiunte all’applicazione dedicata alle videoconferenze di Big G nell’ultima tornata di aggiornamenti.

Il mese di marzo aveva già portato una sostanziosa ventata di aria fresca in Google Meet, attraverso l’aggiunta di una serie di funzionalità capaci di migliorare notevolmente l’esperienza utente durante l’utilizzo dell’applicazione. In un periodo come quello attuale, dove lo smart working e il lavoro a distanza rappresentano un’esigenza oltre che una scelta, poter contare su applicazioni ricche di funzionalità può consentire di svolgere i propri compiti con maggiore tranquillità, anche a distanza. Tra le scelte preferite per la realizzazione di meeting audio/video, l’applicazione di Google ha inoltre previsto l’introduzione delle domande e risposte, anche per Google Workspace, i sondaggi e la visualizzazione a mosaico per avere sempre una panoramica completa dei partecipanti ai meeting.

Google Meet, a cosa serve Saver Mode

Come anticipato, l’introduzione di Saver Mode consente di risparmiare in maniera efficace il consumo energetico durante le videochiamate, processo che di consueto tende a mettere sotto stress la batteria dei dispositivi mobili. Ed è proprio su questa tipologia di device, come smartphone e tablet, che è possibile sfruttare la feature che non è invece presente sul software dedicato ai computer desktop.

Per ridurre il dispendio energetico, Saver Mode va ad agire direttamente sulla connessione dati, moderandone di fatto il trasferimento. Lo stesso vale per la CPU: le prestazioni vengono limitate dalla feature, in modo da andare ad inficiare in maniera minore insieme agli altri elementi già citati. In ogni caso, la funzionalità non sarà attiva in via predefinita ma dovrà essere attivata dal menu Impostazioni dell’applicazione.

Quella di Saver Mode non è però l’unica novità di questo tipo introdotta da Big G. Infatti, sebbene i computer siano rimasti fuori da questa funzionalità, Mountain View ha pensato a un’opzione simile per i Chromebook che consente di minimizzare i consumi durante l’utilizzo in assenza di collegamento alla rete elettrica.

Meet Saver Mode, quando arriverà

L’aggiornamento di Google Meet, comprensivo di Saver Mode, sarà presto disponibile con la release di Aprile rilasciata proprio in queste ore. Come già specificato, a poter beneficiare della nuova modalità di risparmio energetico saranno i dispositivi mobili, mentre non è prevista, almeno per il momento, alcuna introduzione per quanto riguarda i computer desktop e laptop.

TAG:

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963