whatsapp-nascondere-conversazioni Fonte foto: BigTunaOnline / Shutterstock.com
APP

WhatsApp, come mantenere le chat segrete

Se si ha paura di essere spiati e si ha bisogno di nascondere le chat su WhatsApp si hanno due possibilità: la funziona Archivia o installare un’app ad hoc

16 Marzo 2018 - Applicazioni come WhatsApp sono un pericolo continuo per la privacy degli utenti. Basta un momento di distrazione per ritrovarci con lo smartphone nelle mani di un nostro amico, fratello, sorella o collega di lavoro che sta leggendo tutte le nostre chat su WhatsApp.

Un gesto che non si dovrebbe mai fare, ma che purtroppo si ripete tutti i giorni. Un vero e proprio attacco alla privacy di una persona, dato che nelle chat di WhatsApp ci sono tutti i nostri dati personali. Se avete paura che qualche vostro amico o parente possa prendere di soppiatto il vostro smartphone e spiare le conversazioni su WhatsApp, dovete sapere che ci sono dei semplici trucchi che permettono di mantenere segrete le chat e di tenere lontano chi ama curiosare. Si hanno due possibilità: utilizzare la funzione Archivia di WhatsApp o installare un app locker, ovvero uno strumento che permette di inserire una password per accedere a un’applicazione. Ecco come nascondere le chat su WhatsApp.

Come archiviare una chat WhatsApp su Android

Per tenere segreta una conversazione WhatsApp su Android è necessario utilizzare la funzione Archivio. In questo modo la chat sparirà dalla home dell’app e si andrà a nascondere in una cartella “segreta”. Per archiviare una conversazione WhatsApp su Android si deve lanciare l’applicazione, selezionare la chat e premere l’icona con la freccia verso il basso presente in alto a destra. In questo modo la conversazione verrà spostata in una cartella ad hoc, presente alla fine delle chat. L’archiviazione, però, ha una durata breve: appena si riceverà un nuovo messaggio la conversazione tornerà a comparirà tra le chat attive. Per far sì che rimanga in basso, è necessario bloccare l’utente con cui si stanno scambiando dei messaggi. Bloccare una persona su WhatsApp è molto semplice: basta entrare all’interno della conversazione, premere sull’icona con tre linee verticali in alto a destra e poi su Altro. Apparirà un nuovo menu dal quale selezionare Blocca. Se vogliamo tornare a parlare con il nostro amico è possibile toglierlo dalla lista dei bloccati: si deve entrare nelle Impostazioni, premere su Account, poi su Privacy e infine su Contatti Bloccati. Si aprirà una scheda con una lista degli utenti sbloccati: per togliere il ban è necessario selezionare la persona e premere su Sblocca.

Come archiviare una conversazione WhatsApp sull’iPhone

Anche sull’applicazione WhatsApp per iOS è possibile archiviare una chat per nasconderla da occhi indiscreti. Il procedimento è leggermente differente rispetto a quello appena visto per Android. Per nascondere una conversazione, è necessario lanciare l’applicazione, selezionare la chat e fare uno swipe da destra verso sinistra e premere sul pulsante Archivia che verrà mostrato a lato. A questo punto la chat verrà spostata in basso nella cartella “conversazioni archiviate”. Se la si vuole far tornare su in cima, si deve fare il procedimento inverso: bisognerà selezionarla, fare un swipe da destra verso sinistra e premere su Estrai.

Come accade su Android, se l’utente della chat che abbiamo archiviato tornerà a scriverci, la conversazione tornerà tra le conversazioni “normali”. Per lasciare la chat in fondo si dovrà bloccare l’utente. Per farlo si deve entrare nella sezione Preferiti, premere sull’icona a forma di “i” presente di fianco alla persona da bloccare e poi su “Blocca questo contatto“. Se vogliamo togliere il ban si dovrà entrare nelle Impostazioni, poi premere su Account, Privacy e infine su Bloccati. Si aprirà una lista con una serie di nominativi e bisognerà fare uno swipe da destra verso sinistra sulla persona da sbloccare.

Inserire una password d’accesso

Se pensate che l’archiviazione delle conversazioni non è sufficiente per tenere lontano i propri amici e parenti dallo smartphone, è possibile inserire una password d’accesso a WhatsApp. Ci sono alcune applicazioni sul Google Play Store e sull’App Store che hanno solamente questa funzione: permettono di proteggere i dati presenti all’interno di un’app inserendo un codice numerico. Ma come funzionano? Se un nostro amico ci ruberà lo smartphone per curiosare all’interno delle conversazioni di WhatsApp, dovrà conoscere la password, altrimenti non potrà accedere.

Una delle app migliori su Android è Norton App Lock, realizzata dalla stessa azienda che sviluppa le soluzioni di sicurezza informatica. Per gli utenti iOS la questione è un po’ più complicata. Per poter installare un app locker è necessario jailbreakkare l’iPhone, una pratica vietata da Apple e che invalida la garanzia.

Contenuti sponsorizzati