Libero
DIGITAL LIFE

YouTube bloccato in USA: ecco per chi

YouTube dichiara guerra agli AdBlocker: la celebre piattaforma di streaming ferma la riproduzione dei video per coloro che utilizzano il blocco della pubblicità

YouTube bloccato in USA: ecco per chi Fonte foto: ANSA

Su Reddit moltissimi utenti negli USA stanno condividendo le proprie esperienze sull’utilizzo degli Ad Blocker su YouTube. Dalle prime testimonianze, infatti, sembrerebbe proprio che Google stia tendando di bloccare l’utilizzo di questi software sulla piattaforma di streaming, invitando le persone a disattivare il blocco della pubblicità o a passare a YouTube Premium. Subito dopo i primi post su Reddit, anche il portavoce di Google ha confermato la cosa, descrivendo questa decisione come un esperimento per valutare un eventuale futuro stop completo degli Ad Blocker.

Come funzionano gli AdBlocker

Un Ad Blocker è un’estensione del browser web o un’app a sé stante che ha lo scopo di bloccare la pubblicità durante la navigazione e limitare l’apertura di pop up sui siti visitati. Per cui, in estrema sintesi, si tratta di un programma per bloccare tutto ciò che interrompe la navigazione e disturba la permanenza sulle pagine web.

Naturalmente gli utenti possono decidere se bloccare gli annunci pubblicitari solo per alcuni siti o se il blocco vuole essere esteso a tutte le pagine visitate dalle impostazioni dell’Ad Blocker ed è possibile gestire dettagliatamente il funzionamento del software filtrando tutto ciò che si vuole bloccare e cosa invece può essere riprodotto.

Si tratta di una soluzione estremamente semplice da utilizzare che può essere installata gratuitamente dalla scheda delle estensioni del proprio browser per la navigazione sul web.

YouTube contro gli AdBlocker, cosa sta succedendo

Che YouTube sia sempre stato contrario all’utilizzo degli AdBlock non è una cosa nuova, del resto la piattaforma trae profitti proprio dalla pubblicità e, sempre tramite gli annunci, anche i vari creator riescono a monetizzare con i loro contenuti. Per questo motivo non stupisce che, stando alle dichiarazioni degli utenti su Reddit, la stretta di Google contro gli AdBlock sia diventata molto più serrata, chiedendo chiaramente a chi utilizza un programma per il blocco della pubblicità di disattivarlo: pena il blocco della riproduzione dopo tre video.

Per ora, comunque, la fase di test è limitata a un numero esiguo di account solo nelle USA e, trattandosi solo di un esperimento, non è detto che la funzionalità venga implementata realmente sulla piattaforma.

Nel messaggio mostrato a questi utenti da YouTube si dice chiaramente che le soluzioni possibili sono solo due: disattivare il blocco delle pubblicità, oppure abbonarsi a YouTube Premium che, come è noto, tra i suoi vantaggi ha anche l’assenza di pubblicità.

Negli USA l’abbonamento a YouTube Premium, che include al suo interno anche quello a YouTube Music Premium, costa 11,99 dollari al mese o 119,99 dollari l’anno. In Italia il prezzo è di 11,99 euro al mese.

TAG: