fake-news-facebook Fonte foto: Shutterstock

Fake news, i 10 consigli di Facebook contro le notizie false

Dopo le recenti critiche e le promesse di nuovi provvedimenti il Facebook ha realizzato un decalogo per individuare una notizia falsa

20 Aprile 2017 - Le notizie false, definite anche come bufale, sono un vero e proprio problema per il web. In particolare la loro diffusione su alcuni social network può creare disinformazione tra gli utenti. Facebook è tra le piattaforme più a rischio per quanto riguarda questo diffuso fenomeno.

Il social network ha preso diverse misure per contrastare la circolazione delle bufale e la piattaforma è stata bersaglio di diverse critiche anche da parte di alcune nazioni, come la Germania, e di alcuni politici, come la Boldrini. Nonostante i recenti provvedimenti su Facebook continuano a nascere e prosperare delle pagine che guadagnano dalla creazione di false notizie, che spesso fomentano l’odio e il razzismo. Per questo ora il social media ha voluto realizzare un decalogo di dieci regole da seguire per individuare una notizia falsa all’interno della piattaforma e non darle credito.

Attenzione ai titoli

Spesso queste notizie false puntano forte su titoli altisonanti e a impatto, definiti come titoli esca. Ovvero capaci di attirare il maggior numero di click possibile. Diffidiamo perciò da notizie che riportano un titolo tutto in maiuscolo, o che usano una punteggiatura particolare caratterizzata da molti punti esclamativi. Attenzione poi alle affermazioni inserite nel titolo, se sembrano assurde o esagerate probabilmente non sono vere, o almeno non del tutto.

Guarda l’URL

Il secondo passo fondamentale è quello di controllare attentamente l’URL del sito dal quale proviene la notizia. Spesso questi portali che creano bufale ad hoc storpiano nomi di quotidiani nazionali o locali, e basta una minima verifica e un po’ di attenzione per smascherarli. Se non conosciamo il sito che sta riportando la notizia controlliamo le informazioni della pagina per vedere di che tipo di sito si tratta e cerchiamo in Rete per capire se è una fonte affidabile.

Occhio alla formattazione

Su molti siti di bufale le pagine sono formattate in modo inusuale, questo per contenere molta pubblicità oppure per portare l’attenzione dell’utente su determinate parti dell’articolo. Attenzione poi agli errori di grammatica. Se l’articolo presenta diversi errori, e non solo dei refusi, è molto probabile che si tratti di un sito che genera delle bufale.

I video e le foto

I siti che creano fake news solitamente usano video e foto di grande impatto. Contenuti multimediali che spesso vengono anche ritoccati per accentuare il tratto drammatico e il senso dell’articolo. Alle volte può capitare che le foto siano autentiche ma totalmente inserite fuori contesto. Per capire l’affidabilità delle stesse basta fare una veloce ricerca su Google è capire quale sia la fonte d’origine.

Attenzione alle date

Spesso e volentieri, soprattutto in caso di eventi tragici come terremoti o grandi catastrofi, i siti che creano bufale sfruttano l’emotività delle persone riportando vecchie notizie, a volte anche vere, e riadattandole al contesto attuale. Stiamo sempre attenti dunque alle date e verifichiamo la notizia prima di considerarla come veritiera.

Verifica le testimonianze

Un altro aspetto da non sottovalutare sono le testimonianze presenti nell’articolo. Spesso questi siti inseriscono nelle notizie false delle fonti non veritiere e dei commenti totalmente inventati. Attenzione anche a un articolo molto specifico su un determinato argomento che non riporta nessuna testimonianza o nessun intervento esterno: potrebbe essere un chiaro segnale che ci troviamo davanti a una bufala.

È una notizia diffusa?

Al giorno d’oggi per i siti d’informazione le esclusive si contano sulle dita di una mano, figurarsi poi se l’argomento in questione appartiene alla cronaca o alla politica. Prima di credere al contenuto di un articolo controlliamo che anche altri siti abbiano riportato la stessa notizia. Ovviamente è consigliabile verificare con testate di livello nazionale o locale ufficiali e universalmente riconosciute come affidabili.

Occhi agli scherzi

Alzi la mano chi non conosce Lercio. Si tratta di una pagina che crea delle notizie di stampo satirico, e non vere, in base agli accadimenti recenti. Esistono diversi siti di questo genere. Prima di fare una figuraccia credendo, e magari commentando seriamente, queste notizie, verifichiamo sempre la fonte per capire se si tratta di uno scherzo o meno.

Occhio alla condivisione

Il consiglio finale dunque è quello di essere sempre critici quando leggiamo una notizia in Rete. Lo stesso ovviamente vale anche quando si legge qualcosa di scritto, ma online i pericoli sono maggiori. Evitiamo poi di condividere le notizie false. In questo modo avvantaggeremo solamente i malintenzionati che le hanno create.

Ti raccomandiamo