Libero
APPLE

Apple annuncia la data: attesa finita per Vision Pro

Apple Vision Pro è ufficiale, negli USA sarà disponibile a partire dal prossimo 2 febbraio proprio come anticipato dalle indiscrezioni delle settimane passate

Apple Vision Pro Fonte foto: Apple

 Apple Vision Pro sarà ufficialmente disponibile negli USA a partire dal prossimo 2 febbraio. Con un post sul suo profilo X, Tim Cook ha confermato la data d’uscita dell’attesissimo visore AR/VR di Apple che, dopo aver conquistato il pubblico e gli addetti ai lavori durante la  conferenza degli sviluppatori 2023, si prepara ad arrivare sul mercato confermando quanto anticipato nelle scorse settimane da Mark Gurman di Bloomberg.

Apple Vision Pro: scheda tecnica

Naturalmente Apple Vision Pro già da tempo non ha più segreti e il prototipo mostrato alla WWDC 2023 ha già rivelato l’intera scheda tecnica del dispositivo.

Questo ha una forma molto simile a quella degli occhiali da sci, con uno schermo esterno (con tecnologia EyeSight) che permette di mostrare gli occhi indossa il visore.

All’interno, invece, ci sono due schermi Micro OLED ad altissima risoluzione con 23 milioni di pixel in totale. Oltre a questo ci sono ben 12 telecamere, 5 sensori (tra cui il sensore LiDAR e quello a infrarossi) e i 6 microfoni.

Una delle più grandi differenze di Apple Vision Pro rispetto alla concorrenza è l’assenza di un controller per il movimento dell’utente: tutti i gesti vengono catturati da una delle telecamere in dotazione e riconosciuti come uno dei comandi per gestire il device e le varie applicazioni.

Il processore in dotazione è un Apple M2, già ben noto per le performance registrate su diversi device dell’ecosistema Apple, tra cui i MacBook Pro. Al fianco di questo chip c’è un Apple R1, componente dedicato all’elaborazione di tutti i dati provenienti da telecamere, microfoni e sensori presenti sul visore.

Il comparto audio è composto da due speaker integrati nel dispositivo, compatibili con Apple Spatial Audio. In alternativa si possono utilizzare anche i propri AirPods per avere un po’ più di privacy.

Per non appesantire troppo Apple Vision Pro, l’azienda di Cupertino ha oprtato per una batteria esterna che ha un’autonomia di circa due ore, il visore però può funzionare anche quando è collegato alla rete elettrica con il classico “cavo volante” posizionato in modo da non disturbare l’utente nei movimenti.

Le funzioni di Apple Vision Pro

Stando a quanto confermato da Apple, al momento del lancio Apple Vision Pro potrà accedere a tutte le varie applicazioni già note ai possessori di iPhone e iPad che, naturalmente, ottengono un’interfaccia tutta nuova per essere utilizzate in soggettiva.

Al momento non c’è una vera e propria killer app e, da quanto si dice, il colosso della tecnologia è ancora alla ricerca di una soluzione per sfruttare al meglio le caratteristiche uniche di questo nuovo device.

Per questo, oltre al classico Apple Store, in un secondo momento dovrebbe arrivare anche uno store alternativo dedicato specificatamente alla realtà virtuale e a quella aumentata.

Infine, da quello che sappiamo l’azienda di Cupertino sarebbe al lavoro su diverse funzionalità legate alle piattaforme di streaming e ai giochi del catalogo che potrebbero ottenere diverse caratteristiche esclusive da utilizzare proprio con Apple Vision Pro.

Apple Vision Pro prezzo e disponibilità

Come appena detto Apple Vision Pro sarà disponibile negli USA a partire dal 2 febbraio prossimo ma potrà essere acquistato solo negli Apple Store e solo tramite appuntamento.

Questo perché Apple consente una grande varietà di personalizzazioni che permetteranno all’utente di costruire il device più adatto alle sue caratteristiche fisiche e, dunque, portare a casa uno strumento estremamente personale e completamente disegnato in base alle proprie esigenze. Questo, oltre alla scheda tecnica di cui sopra, giustifica anche il prezzo decisamente elevato di ben 3.500 dollari. 

Per ora non c’è ancora una data d’uscita e un prezzo confermati per il resto del mondo ma, secondo le indiscrezioni, Apple potrebbe lanciare la versione global del visore già dai prossimi mesi.