Libero
smart display Fonte foto: Shutterstock
SMART EVOLUTION

Apple lavora su un display per la smart home

Apple starebbe progettando un display ampio e con funzioni smart simili agli schermi Amazon Echo Show e a Google Nest Hub per recuperare il terreno perso

Apple si appresta a sfidare Amazon e Google poiché presto sarebbe pronta a lanciare sul mercato un nuovo iPad di fascia bassa utile a controllare termostati, luci ma anche mostrare video o fare una chiamata con FaceTime. Se questa tipologia di nuovo dispositivo di Apple vi ricorda i display come Amazon Echo Show 15 o Google Nest Hub non vi state sbagliando. A darne notizia dalle pagine di Bloomberg è il giornalista e esperto Apple Mark Gurman.

Apple ripensa alla domotica

Secondo le indiscrezioni raccolte da Gurman, Apple vorrebbe progettare display ampi destinati principalmente alla smart-home. In effetti gli iPad sono già predisposti per funzioni smart legate alla domotica, come il controllo dei termostati o dell’accensione o spegnimento delle luci, ma Apple non ha dei veri e propri prodotti con schermo destinati esclusivamente alla gestione della casa.

Per lungo tempo, d’altronde, Apple non è stata affatto protagonista nel mercato della domotica: basti pensare al suo smart speaker Apple HomePod, lanciato nel 2017 e poi sostanzialmente abbandonato fino a pochi giorni fa, quando finalmente è arrivata la seconda generazione.

Così facendo, Apple ha ceduto gran parte del mercato ai suoi rivali: infatti i dispositivi attuali hanno funzioni limitate e l’assistente vocale Siri non è stato curato tanto quanto Alexa di Amazon o Google Assistant che, al contrario, offrono sempre nuove funzionalità.

Apple smart display: come sarebbe

Come al solito, quando parliamo di futuri prodotti Apple, i dettagli sono pochissimi e non è nemmeno detto che siano poi confermati all’uscita del dispositivo. Si parla, comqunque, di un display più economico rispetto agli iPad e che è possibile fissare al muro con delle clip magnetiche. Ciò vuol dire che sarà anche possibile sganciarlo dal muro, magari per ricaricarlo.

Non è affatto da escludere, poi, la presenza di una webcam FaceTime per fare videochiamate con altri utenti Apple, esattamente come si può oggi fare con gli smart display di Amazon e Google.

Infine, gira un ulteriore rumor (e gira da parecchio, ormai) di un eventuale secondo dispositivo che mette insieme una Apple TV con uno smart speaker in stile HomePod. Ma su questo device le informazioni credibili sono ancor di meno.

La svolta: Matter

C’è da chiedersi per quale motivo solo oggi Apple creda di nuovo nella domotica e nei dispositivi smart per la casa. La risposta è in una sola parola: Matter. Il nuovo protocollo unificato per la smart home, infatti, vede proprio Apple (insieme a Google e Amazon) tra i suoi iniziali propositori.

E forse Apple è proprio quella che ha più da guadagnare da Matter, visto che non è mai riuscita ad imporre un proprio ecosistema smart. Grazie a Matter, infatti, anche dispositivi non compatibili con Apple HomeKit potranno essere gestiti da un eventuale smart display della mela morsicata.

© Italiaonline S.p.A. 2023Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963