tv streaming Fonte foto: Shutterstock
TV PLAY

Come vedere la TV in streaming senza problemi di connessione

Per vedere la TV in streaming è necessario avere una connessione internet stabile e veloce, a seconda della qualità del video. Ecco tutto quello che devi sapere

Si fa presto a dire streaming: i servizi non mancano di certo, ma non sono tutti uguali. La differenza principale, oltre al catalogo ovviamente, è la velocità richiesta alla connessione per avere una visione di buona qualità e senza scatti.

Velocità che dipende soprattutto dalla risoluzione del video trasmesso in streaming e dalla compressione applicata. Maggiore sarà la risoluzione più pesante sarà il video ma migliore sarà la qualità. Maggiore è la compressione più leggero sarà il video, ma a scapito della qualità. Ma se su uno smartphone con uno schermo di dimensioni medie può essere accettabile anche uno streaming in risoluzione 720p, su un grande smart Tv la risoluzione minima è FullHD. Ci sono poi i contenuti in 4K che, però, richiedono una connessione stabile e veloce. Ma qual è la velocità minima della connessione richiesta dai principali servizi di streaming?

Piattaforme TV streaming: la velocità media

Una risposta a questa domanda ce la offre uno studio di SosTariffe.it, che ha preso in considerazione tutti i principali servizi in streaming disponibili in Italia e ha calcolato la velocità minima richiesta per una visione fluida, senza scatti e senza interruzioni. Per un flusso a bassa risoluzione ci vuole una velocità media di 1,93 Mb/s: Chili e Amazon Prime Video consumano 1 Mb/s, YouTube Premium 1,1 Mb/s, Mediaset Play 1,2 Mb/s, Dazn 2 Mb/s, Infinity 2,1 Mb/s, Now Tv 2,5 Mb/s, Apple Tv + 2,5 Mb/s, Netflix 3 Mb/s e TIMvision 3 Mb/s.

Salendo già alla risoluzione di 720p il bitrate del flusso video in streaming cresce di un bel po’: YouTube Premium e Chili richiedono 2,5 Mb/s, Amazon Prime Video e Dazn 3,5 Mb/s, per Infinity ci vogliono 4 Mb/s, per TIMvision 5 Mb/s e per Apple TV+ addirittura 6,5 Mb/s. Per un flusso a 1080p si sale ulteriorimente di bitrate: Chili 4,5 Mb/s, Netflix, YouTube Premium e Disney+ chiedono 5 Mb/s, Apple TV+ 8 Mb/s e Now TV 10 Mb/s. Per il 4K, infine, la media è di 19,31 Mb/s.

La connessione migliore per vedere la TV in streaming

Alla luce di questi dati, empirici ma realistici, possiamo dire che per vedere contenuti in streaming in risoluzione 4K è assolutamente necessaria una connessione in fibra ottica di ultima generazione con il cavo che arriva fin dentro casa nostra (FTTH, Fiber to the home). Per la risoluzione 1080p è più che consigliata almeno una connessione in fibra fino all’armadio sul marciapiede (FTTC, Fiber to the cabinet). Per quanti riguarda le connessioni cellulari, invece, il 4G è fondamentale per vedere contenuti fino a 1080p. Sopra questa risoluzione è praticamente impossibile vedere un video in streaming senza incorrere nel fastidioso buffering.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963