SMART EVOLUTION

Digitale terrestre: che succederà ai canali RAI

Il passaggio al nuovo digitale terrestre DVB-T2 è stato rimodulato e inizia il 15 ottobre: ecco cosa succederà quel giorno a tutti i canali RAI.

Per lunghissimo tempo abbiamo parlato di “Switch-Off" e di passaggio al nuovo standard TV digitale terrestre di seconda generazione (DVB-T2), con una data ben precisa in mente: il 1° settembre 2021, giorno in cui tutte le emittenti avrebbero dovuto abbandonare il vecchio codec MPEG-2 in favore del nuovo MPEG-4. Il 30 luglio, però, il Governo ha cambiato tutto.

Con un apposito decreto, firmato dal Ministro dello Sviluppo Economico Giancarlo Giorgetti, il passaggio all’MPEG-4 (che è solo il primo step del passaggio al digitale terrestre DVB-T2) è stato posticipato al 15 ottobre. Ma non solo: viene data la facoltà alle emittenti di cambiare codifica in modo graduale, per scongiurare un rischio che nessuno si vuole prendere: quello di impedire a milioni di telespettatori di vedere i canali perché la TV non supporta l’MPEG-4. Anche la RAI è coinvolta in questo delicato passaggio e ha scelto proprio di scaglionare il passaggio dal vecchio al nuovo codec durante un periodo più lungo.

Canali RAI: che succede il 15 ottobre

La RAI ha deciso di procedere con una strategia in due tempi. Il primo passo sarà quello di spegnere il MUX Rai 2 in tutta Italia e di spostare tutti i canali dei MUX Rai 2, Rai 3 e Rai 4 già il 15 ottobre.

Nella stessa data tutti questi canali cambieranno codifica, passando dal vecchio MPEG-2 al nuovo MPEG-4. Chi non ha una televisione in grado di decodificare i canali MPEG-4, quindi, da un giorno all’altro non vedrà più tutti i canali trasmessi su questi tre MUX della Rai.

Quali canali RAI non si vedranno dal 15 ottobre

I canali in questione sono tutti i canali tematici RAI, trasmessi dai MUX Rai 2, Rai 3 e Rai 4. Ecco la lista delle TV:

  • Rai 5
  • Rai Storia
  • Rai Sport
  • Rai Scuola
  • Rai 4
  • Rai Movie
  • Rai Premium
  • Rai Gulp
  • Rai YoYo
  • Rai 1 HD
  • Rai Sport + HD
  • Rai 2 HD
  • Rai 3 HD

A questi canali TV si aggiunge lista delle radio:

  • Rai Radio Tutta Italiana
  • Rai Radio3 Classica
  • Rai Radio Techetè
  • Rai Radio Live
  • Rai Radio Kids
  • Rai Isoradio
  • Rai GrParlamento
  • Rai Radio1 Sport
  • Rai Radio2 Indie

Quali canali RAI non cambiano il 15 ottobre

Per vedere tutte le TV e le radio appena elencate sarà quindi necessario, a partire dal 15 ottobre 2021, avere una TV recente compatibile con il codec MPEG-4. Non cambia nulla, invece, per le TV di punta della RAI, che resteranno ancora per qualche mese con il vecchio codec MPEG-2:

  • Rai 1
  • Rai 2
  • Rai 3
  • Rai News 24

Questi quattro canali RAI si vedranno ancora, su tutte le TV che oggi riescono a sintonizzarli. Per non avere sorprese il 15 ottobre è utile fare un test già oggi: se la TV è in grado di visualizzare i canali in HD (come Rai 1 HD al 501, Canale 5 HD al 505 e La7 HD al 507), allora il 15 ottobre continuerà a visualizzare tutti i canali RAI.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963