Libero
ANDROID

Huawei dice addio ad Android: ecco HarmonyOS Next

Huawei dice addio ad Android con la presentazione del nuovo HarmonyOS Next, sistema operativo che sarà utilizzato da prossimi smartphone dell'azienda

Huawei harmonyos next Fonte foto: dennizn / Shutterstock.com

Continua il programma di rinnovamento di Huawei che, dopo aver chiuso un 2023 in crescita nel settore smartphone (almeno sul mercato cinese), annuncia l’arrivo di HarmonyOS Next. Si tratta di una nuova evoluzione del sistema operativo lanciato da Huawei dopo l’arrivo del ban USA che ha impedito l’accesso ai servizi Google su Android.

HarmonyOS Next non è più una semplice evoluzione del sistema operativo di Google, basata su AOSP, la versione open source di Android ma priva del PlayStore. Si tratta dello step successivo del programma di sviluppo di HarmonyOS che ora diventa un “vero sistema operativo” autonomo da Android, come evidenziato dal CEO Richard Yu. Il nuovo OS sarà a breve utilizzabile, in beta, sugli smartphone Mate 60.

Cos’è HarmonyOS Next

Il nuovo HarmonyOS Next sarà il nuovo sistema operativo di riferimento di Huawei e sarà utilizzato su smartphone, tablet e altri dispositivi. Si tratta di un ulteriore passo in avanti del programma di “indipendenza” dell’azienda che, dopo il ban USA, punta a gestire completamente sia l’hardware che il software dei suoi prodotti. A differenza dell’attuale versione di HarmonyOS, il nuovo progetto svelato da Huawei utilizzerà il kernel proprietario Harmony, abbandonando il kernel Linux utilizzato da Android.

Il nuovo OS, inoltre, non permetterà l’installazione dei file APK (sostituiti da file HAP) e, quindi, delle varie app attualmente disponibili su Android, distaccandosi definitivamente dal sistema operativo di Google per seguire uno sviluppo indipendente. Stando alle prime informazioni diffuse dall’azienda, HarmonyOS Next avrà anche una nuova interfaccia grafica e si adatterà a diverse tipologie di dispositivi, dagli smartphone ai tablet e senza dimenticare i modelli dotati di display pieghevole.

L’azienda punta, inoltre, a triplicare l’efficienza della gestione della memoria, per ottenere prestazioni generali superiori con il nuovo OS. Attualmente, sono in sviluppo oltre 200 app native per HarmonyOS Next (ma l’obiettivo è arrivare a 5.000 app entro fine anno) che, inizialmente, si concentrerà esclusivamente sul mercato cinese. In futuro, però, il nuovo sistema operativo, una volta che avrà raggiunto la maturità (anche lato app), potrebbe provare a farsi strada anche sul mercato globale.

Quando arriva HarmonyOS Next

Huawei ha intenzione di lanciare HarmonyOS Next in breve tempo. Il nuovo sistema operativo è ancora in fase di sviluppo ma è già quasi pronta la fase di beta test che dovrebbe partire nel corso del secondo trimestre del 2024. I primi dispositivi compatibili saranno Mate 60, Mate 60 Pro e Mate X5 ma anche altri dispositivi Huawei potrebbero essere coinvolti nella beta.

L’azienda, inoltre, intende avviare la commercializzazione del primo dispositivo con HarmonyOS Next nativo già entro la fine dell’anno. Nel corso del quarto trimestre del 2024, infatti, potrebbe esserci il debutto dei nuovi Huawei Mate 70, i primi smartphone dotati del nuovo OS. Nel corso del 2025, inoltre, arriveranno diversi nuovi prodotti con l’abbandono completo dell’attuale HarmonyOS basato su Android.