ANDROID

Huawei rilascia EMUI 11: com’è e su quali smartphone arriva

La versione ufficiale e stabile di EMUI 11 è in rollout sugli smartphone Huawei: ecco come va e quando arriverà sui primi smartphone in Italia

Il colosso cinese Huawei ha rilasciato EMUI 11, l’ultima versione dell’interfaccia grafica per i suoi smartphone che però, a differenza di quanto il numero potrebbe lasciare intuire, è ancora basata su Android 10 a causa del ban di Donald Trump. Numerose le novità introdotte, sia dal punto di vista grafico che funzionale e di sicurezza.

In generale la EMUI 11 sembra soprattutto una grande opera di ottimizzazione e, infatti, dopo averla installata gli smartphone con la nuova interfaccia sono visivamente più reattivi. Sensazione che viene amplificata da alcune funzioni, come le “App Bubble“, rendono più snello l’utilizzo del telefono. Altre funzioni, come il multi screen e il multi window, permettono invece di fare più cose contemporaneamente. Con la EMUI 11, quindi, usare uno smartphone Huawei diventa più facile e si ha una maggiore sensazione di “potenza“.

Huawei EMUI 11: le novità

A parte l’ottimizzazione software che si nota solo a livello di reattività, le altre novità della EMUI 11 sono abbastanza evidenti. Le App Bubble non solo altro che le “bolle” introdotte da Google con Android 11 (che a loro volta erano una imitazione delle “Chat Heads” di Facebook): permettono di minimizzare una app in esecuzione e di riaprirla con un semplice tap sulla bolla.

La novità, rispetto a soluzioni simili, è che ora l’app aperta può essere ridimensionata a piacimento al fine di usare meglio il multitasking: è possibile usare contemporaneamente più app ridimensionandone le rispettive finestre e passando da una all’altra con un solo tap, senza bisogno di usare le gestures.

Naturalmente questa funzione è tanto più efficace quanto più è grande lo schermo dello smartphone. E’ anche possibile nascondere una app senza chiuderla, inviandola all’App Dock posizionato sulla destra. Una scelta che sarà probabilmente la preferita da chi ha un dispositivo con schermo di piccole dimensioni.

Il multi screen è invece una funzione riservata ai possessori di laptop Huawei MateBook e consente di fare facilmente il mirroring del telefono sullo schermo del PC portatile.

Per quanto riguarda la privacy e la sicurezza, invece, EMUI 11 basata su Android 10 introduce una gestione delle autorizzazioni per le app simile a quella vista su Android 11 e iOS 14, con la possibilità di concedere una specifica autorizzazione solo una volta, solo quando l’app è in funzione o mai.

Huawei EMUI 11: su quali smartphone arriva

L’update alla EMUI 11 arriverà gradualmente tramite aggiornamento OTA ai possessori di numerosi smartphone Huawei. I primi a riceverla saranno:

  • HUAWEI P40
  • HUAWEI P40 Pro
  • HUAWEI P40 Pro+
  • HUAWEI Mate 30 Pro
  • HUAWEI Mate Xs
  • HUAWEI P30
  • HUAWEI P30 Pro
  • HUAWEI P30 Pro New Edition
  • HUAWEI Mate 20 X
  • HUAWEI Mate 20 Pro
  • HUAWEI Mate 20 Porsche Design
  • Huawei Mate20 RS
  • HUAWEI Mate 20 X 5G
  • HUAWEI nova 5T

Non tutti gli smartphone riceveranno EMUI 11 contemporaneamente: su HUAWEI P40, HUAWEI P40 Pro, HUAWEI P40 Pro+ e HUAWEI Mate 30 Pro arriverà entro metà dicembre 2020, su tutti gli altri entro marzo 2021.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963