APP

Microsoft dice finalmente addio a Internet Explorer: la data ufficiale

La lunghissima agonia di Internet Explore sta per terminare: finalmente Microsoft ha comunicato la data di "end of life" del suo vecchio e pericoloso browser.

Nel 2022 bisognerà dire addio a Internet Explorer. Ad annunciarlo, con un post sul blog di Microsoft, è stato il partner group manager di Microsoft Edge Sean Lyndersay che, con l’occasione, ha introdotto le linee guida per consentire in maniera semplice e fluida il passaggio proprio al browser proprietario basato su Chromium, Edge.

Le parole di Lyndersay sottolineano come il cambiamento porterà con sé una maggiore sicurezza e velocità di utilizzo, oltre alla possibilità di operare attraverso quella che è stata denominata "IE Mode", ovvero una speciale modalità che consente di far girare senza blocchi i siti web ottimizzati per Explorer su Edge. Il supporto con "IE Mode" su Client Windows, Server e i prodotti del mondo IoT continuerà fino al 2029, con una comunicazione che giungerà in anticipo di almeno un anno – sottolinea il comunicato – rispetto all’interruzione del servizio. Si tratta, dunque, delle ultime battute per il vecchio software che, ad agosto 2021, vedrà svanire pure l’interoperabilità con Microsoft 365. A rimanere colpito da tale procedura sarà un cospicuo numero di utilizzatori di Windows 10: la release 11 del browser per desktop, rilasciata tramite il Semi-Annual Channel che due volte l’anno rilascia gli aggiornamenti e nuove feature, verrà rimossa dal pacchetto per il client dell’ultimo OS nella versione 20H2 in poi e dall’edizione IoT 20H2 e successive.

Addio a Internet Explorer, la data ufficiale

Gli utenti che attualmente utilizzano Internet Explorer devono mettere in calendario la data del 15 giugno 2022, giornata che segnerà ufficialmente la fine ufficiale del browser ormai obsoleto. Mancano quindi poco più di 365 giorni per completare la migrazione a Edge, il quale arriva preinstallato sui computer desktop e laptop con sistema operativo Windows 10.

Per chi non volesse perdere i propri contenuti personalizzati, come segnalibri, password e impostazioni personali, l’operazione risulta semplificata sfruttando le guide apposite messe a punto da Redmond. Nonostante il cambio, perciò, le informazioni non andranno perdute ma potranno continuare a essere utilizzate anche successivamente.

Internet Explorer, app e siti obsoleti: che fine faranno?

Secondo Lyndersay, dopo il passaggio saranno molti i siti e le applicazioni realizzate su Internet Explorer che rimarranno online e che, necessariamente dovranno ricevere un restyling approfondito. In particolare, organizzazioni e aziende sfruttano al momento circa 1678 app che, nel futuro prossimo, necessiteranno di un ritocco per funzionare in maniera ottimale sul nuovo browser.

Di certo, le modifiche avranno un lungo effetto, visto che Microsoft Edge dovrebbe rimanere in forze almeno fino al 2029. In ogni caso, nel post Lyndersay ricorda che sarà possibile utilizzare IE Mode per assicurarsi che, per tutto il periodo successivo alla transizione, i siti continuino a essere operativi. Meglio però non perdere tempo: non resta che rimboccarsi le maniche e darsi da fare.

Libero Annunci

Libero Shopping

Servizi di Libero

Libero Mail Plus

Più spazio per la tua mailScegli la dimensione che fa per te: 5GB o 1TB
di spazio con Libero Mail Plus!

SCOPRI DI PIÙ

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963