Libero
Cumbria, un lago diventa terreno di caccia di una misteriosa creatura Fonte foto: 123rf
SCIENZA

C'è davvero un mostro in fondo al lago? Mistero sugli animali risucchiati in acqua

In uno degli specchi d'acqua del Distretto dei Laghi, in Cumbria, è stato avvistato una creatura misteriosa che ha divorato diversi animali, tra cui oche e lontre. Cosa sta succedendo davvero?

No, non si tratta di Nessie, il mostro di Loch Ness. E non solo perché non ci troviamo in Scozia, ma perché, di base, le caratteristiche della creatura del lago avvistata in Cumbria, nel suggestivo Lake District National Park, sono decisamente più inquietanti. Sì, perché se Nessie sembra un mostro bonario, quasi dolce, il mostro del Lake District sta davvero mettendo in allarme sia la popolazione che le autorità. Come mai?

Semplice, perché si muove velocemente sul fondale senza farsi identificare e riesce a predare animali di media dimensione, come le pacifiche lontre, le oche e i cigni che nuotano sulla superficie e che, fino ad adesso, erano state le uniche abitanti del lago Ullswater, il secondo più grande del distretto.

Gli avvistamenti del mostro di Ullswater

Ma andiamo per ordine. Per chi non lo sapesse il Lake District National Park è uno dei parchi nazionali più amati della Cumbria, regione a nord-ovest dell’Inghilterra. Da sempre turisti, famiglie, appassionati di trekking, ornitologi e pescatori ne hanno fatto il loro tempio, passando tra i laghi lunghissime ore.

È stato proprio un pescatore, Wayne Owens, ad accorgersi per primo che qualcosa non andava: mentre stava per riportare la sua barca a riva, si è accorto che delle oche, poco distanti, hanno cominciato a dibattersi violentemente e sono state poi trascinate sul fondo. Ciò che ne è riemerso sono stati piccoli pezzi.

Owens, seppur terrorizzato, ha provato a capire cosa stesse succedendo. L’unica cosa, però, che è riuscito a fare, è stata mettere a fuoco un’ombra che si muoveva sul fondo e che sembrava increspare leggermente le acque. Nei giorni a seguire, altri pescatori si sono accorti di avvenimenti analoghi: diversi cigni, uccelli di superficie e persino lontre venivano trascinate velocemente sul fondo e divorate. Si è dunque cominciato a parlare di una nuova specie animale, mostruosa e pericolosa. E il passaparola si è trasformato in qualcosa di più.

I provvedimenti del Lake District

Sì, perché una volta diffusesi le voci, le autorità del Lake District, insieme a un team di ranger, hanno iniziato a osservare con cautela quanto accadeva nell’Ullswater. A differenza dei classici racconti di fantomatici avvistamenti, che generalmente si limitano a essere esagerazioni, quanto veniva riportato era vero e indiscutibile: in diverse ore del giorno un animale misterioso si nutriva in modo talmente veloce da lasciare a bocca aperta, senza mostrarsi.

Le autorità del Lake District hanno dovuto registrarne la presenza e hanno affermato che, almeno per il momento, il lago è letale per bambini e piccoli animali. Dalle prime deduzioni, infatti, la creatura è dotata di una grande mascella e di denti aguzzi, oltre che di una vista che le consente di muoversi agevolmente sott’acqua. Viste le increspature e le ombre, inoltre, si è ipotizzato che pesasse tra i 20 e i 27 chili.

Cos’è davvero la creatura del lago?

Il mistero della creatura del lago ha fatto velocemente il giro del mondo e ha attirato l’attenzione di diversi scienziati, che anche in queste ore ne stanno osservando i movimenti e i comportamenti. Sono già arrivati i primi pareri su cosa possa essere davvero: secondo la BBC, che ha intervistato il professor Ian Winfield, esperto di biologia lacustre e specializzato negli ecosistemi d’acqua dolce, si tratterebbe o di un enorme pesce-gatto o, più verosimilmente, di un coccodrillo.

Secondo Winfield ci sono buone possibilità che si tratti di quest’ultimo animale. Molto probabilmente, per altro, si tratterebbe di un coccodrillo che, fino a un certo punto, deve essere stato tenuto in cattività (dunque cresciuto e detenuto da qualcuno in maniera illegale) e poi liberato nel lago: questo giustificherebbe la ferocia degli attacchi finalizzati al nutrimento. Fino a nuovi avvistamenti e risvolti, comunque, l’Ullswater rimane sotto osservazione e non sarà consentito bagnarsi nelle sue acque.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963