PlayStation VR Fonte foto: Shutterstock
SMART EVOLUTION

PlayStation: al via la rivoluzione della realtà virtuale

La console Sony con visore per la realtà virtuale potrebbe rappresentare il futuro del settore videoludico e non solo. Ne è convinto Shawn Layden

20 Febbraio 2019 - La PlayStation VR è la piattaforma di realtà virtuale più grande al mondo e le sue vere potenzialità si vedranno solo tra dieci anni. Ne è convinto Shawn Layden, Presidente di Sony Interactive Entertainment Worldwide Studios, che in una lunga intervista rilasciata a Game Informer ha parlato di tutto il mondo, attuale e futuro, del gaming. PSVR compresa.

Secondo Layden la PSVR è un prodotto quasi perfetto, per la tecnologia attuale: “Volevamo creare il kit di realtà virtuale più semplice da usare. Se hai una PS4, è fatta. Hai solo bisogno degli auricolari. È super confortevole. È facile da indossare e da togliere. Al massimo avremmo potuto farla con meno cavi cavi“. Come mai, allora, dalla sua uscita nell’ottobre 2016 ad oggi ha venduto solo 3 milioni di pezzi in tutto il mondo, contro gli oltre 90 milioni di pezzi della PS4?

Una console dal futuro

Layden è convinto che sia solo questione di tempo e che la rivoluzione della realtà virtuale arriverà entro pochi anni, con nuovi prodotti che ancora neanche possiamo immaginare: “Se guardiamo alla PSVR oggi, nessuno di noi può immaginare come sarà tra dieci anni, ma il cambiamento sarà enorme. Non puoi fare una versione 5.0 se non hai fatto una 1.0. È nella natura delle cose“.

C’è però il problema del software, che deve essere sviluppato appositamente per la PlayStation VR. Oggi i titoli specifici per la realtà virtuale sono pochi: un esempio è Astro Bot, un titolo che difficilmente può essere giocato su una normale TV. Secondo Layden, anche i giochi in VR arriveranno nel tempo: “Dicevamo che la PS1 era fatta per i giochi in 3D, ma all’epoca della prima PlayStation c’erano un sacco di giochi in 2D o in 2.5D perché l’idea stessa di creare un gioco 3D all’epoca era ‘come faccio a pensarlo?’. Allo stesso modo la prima generazione di contenuti per PSVR sembra creata per uno schermo e poi messa dentro quell’headset. È la natura delle cose. Gli sviluppatori ci stanno pensando su. Cosa vuol dire? Come funziona?“.

Non solo videogame

Poi Layden spiega anche che la tecnologia che oggi Sony sta sviluppando per la PlayStation VR un giorno potrebbe cambiare il modo in cui si fa cinema: “Quando abbiamo portato qui i produttori di Hollywood per fargli vedere cosa potrebbe significare la VR per i film e per la TVquasi tutti quando hanno tolto l’auricolare hanno detto: ‘Questo fa esplodere la narrativa. Come sono io come regista’”. E quando qualcuno di loro ha chiesto come fare per imparare a usare questa tecnologia nel cinema, Layden ha risposto: “Per fortuna c’è un intero gruppo di persone che ha imparato come risolvere il problema. I game designer“.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963