Sito INPS non funziona, problemi il 1 aprile con bonus 600 euro Fonte foto: Shutterstock
TECH NEWS

Sito INPS non funziona, problemi il 1 aprile con bonus 600 euro

Fin dalle prime ore del 1 aprile il sito dell'INPS è irraggiungibile a causa del numero troppo elevato di accessi. Ecco cosa sta succedendo

Aggiornamento ore 12:00. Gli utenti segnalano nuovi problemi sul sito dell’INPS. Accedendo al proprio profilo personale è possibile vedere quelli di altri utente. Ecco cosa sta accadendo.

Aggiornamento ore 14:00. Il servizio è stato momentaneamente sospeso. Se si prova ad accedere al sito, si viene accolti da questo messaggio:

Al fine di consentire una migliore e piu’ efficace canalizzazione delle richieste di servizio, il sito è temporaneamente non disponibile. Si assicura che tutti gli aventi diritto potranno utilmente presentare la domanda per l’ottenimento delle prestazioni.

Il Presidente Tridico ha anche spiegato che “Abbiamo ricevuto nei giorni scorsi, e anche stamattina, violenti attacchi hacker. Questa mattina si sono sommati ai molti accessi, che hanno raggiunto le 300 domande al secondo, e il sito non ha retto. Per questo abbiamo ora sospeso il sito. Lo riapriremo dalle 8.00 alle 16.000 per patronati e consulenti e dalle 16.00 per i cittadini“.

Articolo originale

Problemi generalizzati sul sito dell’INPS: oggi 1 aprile molti utenti segnalano che il portale dell’Istituto Nazionale Previdenza Sociale non funziona. Su Google Trends sono migliaia le ricerche degli utenti che evidenziano il problema. La nostra redazione ha provato ad accedere al sito web ed effettivamente i tempi di risposta sono molto lenti: per entrare sul portale dell’INPS bisogna aspettare almeno un paio di minuti per il caricamento della pagina. In altri casi, invece, appare la scritta “Impossibile raggiungere il sito“.

Quali sono le cause che stanno portando a questi problemi? Molto semplice: da oggi si può richiedere il bonus di 600 euro per partite IVA e autonomi presenti nel Decreto Cura Italia. Fin dalle prime ore del 1 aprile migliaia di italiani stanno cercando di collegarsi sul sito dell’INPS e avviare la procedura per la richiesta del bonus. Probabilmente il numero di accessi in contemporanea è talmente elevato che i server del sito dell’INPS non riescono a supportare tutto il traffico in entrata, rallentando l’apertura delle pagine. Nelle prossime ore la situazione dovrebbe migliorare.

Perché il sito dell’INPS non è raggiungibile il 1 aprile

Lo stesso presidente dell’INPS Tridico, in un’intervista all’ANSA, avverte sui problemi di rallentamento del sito dell’INPS “Dall’una di notte alle 8.30 circa, abbiamo ricevuto 300mila domande regolari. Adesso stiamo ricevendo 100 domande al secondo. Una cosa mai vista sui sistemi dell’Inps che stanno reggendo, sebbene gli intasamenti sono inevitabili con questi numeri”. Problemi, quindi, in linea con le attese: era inevitabile che fin dalle prime ore del 1 aprile migliaia di persone si sarebbero riversate sul sito dell’INPS per inviare la domanda per il bonus 600 euro.

Sempre il presidente dell’INPS Tridico ha voluto rassicurare le partite IVA e gli autonomi: “Non c’è fretta. Le domande possono essere fatte per tutto il periodo della crisi“. Quindi, se state avendo problemi nell’accedere al sito dell’INPS non vi dovete preoccupare: potete inviare la domanda anche nei prossimi giorni: i fondi sono stati assicurati dal Governo e tutti potranno accedervi.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963