Libero
SMART EVOLUTION

Smart TV Samsung: dal 1° marzo addio a Google Assistant

Le smart TV Samsung si preparano a dire addio a Google Assistant, sulla pagina di supporto ufficiale si legge che la funzione non sarà più disponibile dal 1° marzo

google assistente smart tv Fonte foto: Najmi Arif / Shutterstock

A partire dal prossimo 1° marzo, le smart TV a marchio Samsung non potranno più utilizzare Google Assistant. A dare l’annuncio è stata Samsung stessa, indicando il motivo della decisione come una risposta alla modifica nelle politiche di utilizzo dell’assistente vocale di Big G.

Per il momento il colosso sudcoreano non ha comunicato maggiori informazioni al riguardo e, per saperne di più, probabilmente, bisognerà aspettare la data prestabilita per la dismissione della funzionalità, quando probabilmente saranno forniti agli utenti tutti i chiarimenti del caso.

La fine di Google Assistant sulle smart TV Samsung

Le prime smart TV a marchio Samsung dotate di Google Assistant risalgono al 2020 ma la funzionalità era limitata solo ad alcuni modelli.

Tra il 2021 e il 2022 il celebre assistente di Big è stato introdotto su tutte le smart TV del colosso sudcoreano, per la gioia degli utenti che hanno ottenuto nuove funzionalità per la gestione del proprio device tramite comandi vocali, aggiuntive ad Amazon Alexa e a Samsung Bixby.

Nel 2023, però, le prime avvisaglie di qualche crepa nel rapporto tra Samsung e Google: sui televisori dello scorso anno si poteva utilizzare la caratteristica, ma solo come Works with Google Assistant, acquistando uno smart speaker esterno compatibile con Assistant.

Dalla fine del 2023 è sparita anche questa opzione e, di recente, sulla pagina di supporto Google Assistant on your smart TV è apparsa la conferma della rimozione dell’assistente vocale a partire dal prossimo 1° marzo.

Al momento, la motivazione ufficiale data da Samsung fa riferimento solo ad alcuni cambiamenti nelle politiche di Google sull’utilizzo del suo assistente vocale e l’azienda sudcoreana non ha fornito ulteriori dettagli al riguardo, così come non è stato (ancora) diffuso alcun comunicato ufficiale.

Probabilmente, questa decisione è dovuta alle profonde trasformazioni che Google sta apportando al suo assistente che negli ultimi mesi ha perso moltissime funzionalità che, a detta del colosso di Mountain View, “non venivano utilizzate regolarmente dagli utenti”.

Oltre a questo, non è nemmeno un segreto che Google Assistant si sta avvicinando sempre più verso le funzionalità AI di Google Bard, un’eventualità che potrebbe non essere compatibile con le smart TV o che comunque non rientra nei piani di Samsung, spingendo l’azienda sudcoreana ad agire di conseguenza.

Cosa cambia per gli utenti

La scomparsa di Google Assistant sulle smart TV Samsung lascia gli utenti orfani di uno degli assistenti vocali più utilizzati in tutto il mondo e anche uno dei più apprezzati di sempre.

Nonostante questo, però, sarà comunque possibile continuare ad utilizzare i comandi vocali sul proprio televisore, optando per Bixby l’assistente smart di Samsung o per Alexa, la controparte di casa Amazon, entrambi altrettanto efficienti ed entrambi in grado di sfruttare il microfono sul telecomando in dotazione e senza, quindi, il bisogno di acquistare device esterni.