HOW TO

Super Cashback 2021: il rimborso da 1.500 euro in 10 mosse

Il Super Cashback da 1.500 euro non sarà facile da ottenere, ma non è neanche una missione impossibile: ecco alcuni consigli utilissimi per raggiungere l'obiettivo.

Terminato il periodo utile per accumulare transazioni valide ai fini del Cashback di Natale, e in attesa di sapere a quanto ammonterà il rimborso, è già ora di ragionare su come sfruttare al meglio i sei mesi del periodo valido per il primo Cashback di Stato ordinario 2021. In questi sei mesi si dovranno accumulare almeno 50 acquisti validi per ottenere il rimborso fino a 150 euro e si potrà concorrere per il Super Cashback da 1.500.

Questo maxi rimborso, a differenza di quello ordinario da 150 euro, non spetterà a tutti ma solo ai 100.000 italiani che avranno fatto più transazioni. Gli aderenti al programma Cashback sono già quasi 6 milioni e ciò vuol dire che non sarà affatto facile arrivare tra i primi 100 mila: ci vuole un cambio di mentalità e una buona organizzazione. Ma, soprattutto, bisogna conoscere bene le regole del Cashback di Stato e usare qualche trucco. Assolutamente legittimo, ovviamente. Il segreto del Super Cashback, infatti, si può racchiudere in due parole: pagamenti frequenti. Tutti gli acquisti che facciamo in modo naturale e ordinario, tutti i giorni, devono essere pagati con carta di credito o bancomat (in futuro anche tramite app) in modo da accumulare transazioni valide. Vince il numero di transazioni, non l’importo complessivo. Ecco, quindi, 10 mosse vincenti per puntare al primo Super Cashback del 2021.

1) Colazione al bar

Se c’è un acquisto ricorrente, nella cultura italiana, è quello legato alla colazione al bar: milioni di italiani consumano il classico caffè e cornetto (o cappuccio e brioche, se preferite) al bar prima di iniziare a lavorare la mattina. Molti di essi lo fanno più volte a settimana, alcuni addirittura ogni giorno.

Ogni colazione, quindi, può diventare un acquisto valido ai fini del Super Cashback e bastano due colazioni al bar a settimana, dal 1 gennaio al 30 giugno, per accumulare 50 transazioni utili a concorrere al premio da 1.500 euro. E proprio 50 è il numero esatto di transazioni minime per ottenere anche il cashback ordinario.

2) Spesa settimanale

Tutti facciamo la spesa, o nel negozio di alimentari sotto casa o al grande supermercato. La maggior parte di noi lo fa ogni settimana, per questioni di comodità. Con un ritmo del genere, pagando la spesa settimanale con la carta e non con i contanti, si aggiungono 25 transazioni al cumulo di quelle valide ai fini del Super Cashback.

Chi non può, o non vuole, andare a fare la spesa di persona deve invece stare attento al metodo di pagamento: se paghiamo la spesa a domicilio al momento della consegna, con una carta passata da un POS mobile, allora otterremo una transizione valida ai fini del Cashback e del Super Cashback, ma se pagheremo in anticipo online, direttamente sul sito del supermercato, no.

3) Bollette di luce e gas

Anche le bollette di luce e gas possono concorrere ad accumulare cashback e transazioni: basta pagarle alle Poste o dal tabaccaio con la carta. Per farlo dovremo togliere l’eventuale domiciliazione bancaria, optando per il pagamento manuale della singola fattura.

In questo, però, caso la cosa va ben ragionata: pagando le bollette con la carta avremo diritto ad un rimborso del 10% dell’importo della fattura, ma per non più di 15 euro, ma potremmo perdere eventuali tariffe agevolate vincolate al pagamento con RID. In base al tipo di contratto di fornitura di luce e/o gas, inoltre, la bolletta potrà essere mensile o bimestrale e, di conseguenza, pagandola con carta potremo accumulare 3 o 6 transazioni utili ai fini del Cashback.

4) Gli acquisti in farmacia

Rientrano tra gli acquisti che danno diritto al cashback anche quelli effettuati in farmacia, purché pagati con carta. In questo caso, inoltre, il vantaggio è duplice perché il rimborso del 10% si somma all’eventuale detrazione fiscale del 19% già prevista.

Tuttavia non rientrano tra gli acquisti validi quelli fatti nelle farmacie online: ad oggi in Italia sono circa 800 le farmacie e parafarmacie autorizzate al commercio elettronico.

5) Artigiani e professionisti

Dal 1 luglio 2020 è entrata definitivamente in vigore la norma che obbliga artigiani e professionisti ad accettare pagamenti elettronici tramite POS. Tuttavia, già nel 2016, il Consiglio di Stato ha vietato le multe per chi non si adegua e quindi ancora oggi non tutti gli elettricisti, idraulici, muratori, avvocati, medici, commercialisti (etc… etc…) si sono dotati di questo strumento.

Ai fini del cashback, però, tutti questi pagamenti sono validi e, di conseguenza, una buona mossa per puntare al Super Cashback semestrale da 1.500 euro è informarci con l’artigiano o professionista e chiedergli se possiamo pagarlo con carta. Se dice di no (è suo diritto) possiamo sceglierne un altro (è nostro diritto).

6) Prodotti per la cura degli animali

In Italia si contano circa 60 milioni di animali d’affezione, tra cani, gatti, criceti, volatili e altri pet di ogni tipo. Per questi animali i rispettivi padroni fanno acquisti ricorrenti: croccantini e scatolette, la lettiera per il gatto, la paglia per il criceto, tutto ciò può aiutare chi ha un animale ad accumulare transazioni valide per ottenere il Super Cashback.

Anche i farmaci veterinari, al pari di quelli per gli umani, possono essere pagati con il bancomat o la carta di credito e, quindi, rientrano nel Piano Cashback dello Stato.

7) Carburante, pedaggi e meccanico

La benzina e il gasolio per fare il pieno alla macchina, se pagati con carta, aggiungono transazioni valide per ottenere il rimborso da 1.500 euro. Lo stesso vale per i pedaggi autostradali e per le eventuali spese di manutenzione dell’auto, dal gommista al meccanico.

Già non contando i pedaggi autostradali e la manutenzione, ma il solo carburante, con due auto in una famiglia è facile accumulare altre 5-10 transazioni al mese che, nel semestre, diventano 30-60.

8) Acquisti online, ma col buono

Gli acquisti online non vengono conteggiati né ai fini del Cashback di Stato né ai fini del Super Cashback semestrale da 1.500 euro. Ma è facile aggirare questo limite, senza infrangere le regole del programma, acquistando dei buoni regalo nei negozi fisici e spendendoli online.

Sia Amazon che le principali catene di elettronica, infatti, offrono carte regalo (di solito con tagli a partire da 25 o 50 euro) che possono essere pagate in un negozio fisico con una carta di credito o un bancomat. Una volta portato il buono a casa, però, lo si potrà spendere online senza rinunciare al cashback.

Il trucco nel trucco? Comprare due carte regalo da 25 euro invece di una da 50 euro: il Cashback ordinario sarà identico, ma le transazioni ai fini del Super Cashback saranno due.

9) Saldi invernali: lasciamo il portafogli a casa

Dal 2 gennaio al 13 febbraio, con date diverse da Regione a Regione, iniziano i saldi invernali. Come ogni anno i saldi saranno l’occasione buona per molte famiglie di comprare a prezzo scontato i beni di cui hanno bisogno, soprattutto vestiario.

Il nostro consiglio è di andare a fare shopping ma lasciare il portafogli a casa , portandosi solo le carte di pagamento. In questo modo è possibile approfittare degli sconti praticati dagli esercenti, accumulare il 10% di Cashback ordinario su quanto speso e aumentare le transazioni ai fini del Super Cashback.

Il consiglio nel consiglio, però, è di controllare i limiti di spesa giornalieri per la singola carta e, se sono bassi, di registrare tutte le carte a disposizione nell’app IO. Altrimenti saremo costretti a dividere lo shopping in più giornate.

Per gli acquisti di piccolo importo, poi, ricordiamo che dal 1 gennaio 2021 la soglia per i pagamenti contactless è stata alzata a 50 euro. Ma, allo stesso tempo, i le carte di pagamento contacless vanno registrate due volte nell’app IO.

10) San Valentino

Infine, l’ultimo consiglio è quello di non dimenticarsi le spese extra e di considerarle sempre tra quelle che possiamo fare con le carte. La prima occasione utile del 2021 sarà San Valentino: chi ha un partner a cui fare un regalo, anche solo un mazzo di fiori, non dimentichi di pagarlo con una carta abilitata.

Discorso identico per qualunque altra ricorrenza, dal compleanno all’anniversario di fidanzamento.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963