telegram videochiamate di gruppo Fonte foto: Telegram
TECH NEWS

Telegram non si ferma: arrivano le videochiamate di gruppo

Dopo il recente annuncio di moltissime importanti novità (ve le abbiamo descritte qui), Telegram amplia ulteriormente le feature disponibili sulla sua piattaforma di messaggistica istantanea con una caratteristica particolarmente attesa dagli utenti. Si tratta delle videochiamate di gruppo che, secondo il CEO Pavel Durov, dovrebbero arrivare sulla versione dell’app dedicata a iOS durante il prossimo mese di maggio.

Secondo gli esperti, la funzionalità che va a incrementare il numero dei partecipanti alle videochat sarebbe dovuta arrivare già durante lo scorso anno ma, nonostante l’attesa, il suo debutto è stato più volte rimandato fino a poche ore fa, quando ne è stata data la conferma definitiva. Nonostante ciò, Telegram non ha mollato il colpo dando una marcia in più alle videochiamate 1-a-1. Infatti, nell’aggiornamento rilasciato nel mese di agosto 2020 è stato introdotto un sistema di crittografia end-to-end dedicato alla comunicazione audio/video, migliorando la sicurezza degli utenti che sono soliti utilizzare questa tipologia di strumento.

Videochiamate di gruppo su Telegram, le novità

Come annunciato da Durov attraverso il suo canale Telegram, le novità introdotte attraverso la feature prossimamente in arrivo sono molte e decisamente allettanti, sia in termini di utilità che di sicurezza per la propria privacy. Infatti, gli utenti potranno sfruttare la condivisione dello schermo, la cancellazione del rumore (indispensabile per poter tenere le fila del discorso quando si è in molti nella stessa videochiamata) e il supporto desktop e tablet per potersi unire alla conversazione in questo formato.

A questo, poi, si aggiunge un sistema criptato end-to-end che va a ricalcare quanto già visto sulla comunicazione 1-a-1. Questo dettaglio assolutamente non trascurabile arriva direttamente dal sito web The Verge, dopo averne ricevuto conferma da parte del team dedicato alla piattaforma.

Il tutto, ovviamente, potrà contare sulle caratteristiche che hanno reso nel tempo la piattaforma una valida alternativa a quella rappresentata da WhatsApp. Parliamo dunque di velocità, affidabilità e un solido schema crittografico a tutela della privacy degli utenti che utilizzano quotidianamente l’applicazione.

Telegram, nel 2020 numeri da capogiro

Durante l’ultimo anno, anche grazie all’utilizzo massiccio effettuato dagli utenti durante le prime fasi della pandemia Telegram è riuscita a mettere tra le sue fila oltre 400 milioni di utenti attivi solo nel mese di aprile, il doppio rispetto al 2018. A contribuire ai numeri, poi, anche le nuove policy di WhatsApp che hanno fatto scappare molti di quegli utenti più attenti alle privacy policy delle proprie app su altre piattaforme, proprio come Telegram o l’altrettanto apprezzata Signal.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963