SMART EVOLUTION

Contraerea per droni, ecco DroneGun e SkyWall 100. Foto e video

Due aziende hanno sviluppato due sistemi per neutralizzare i quadricotteri: DroneGun disturba le frequenze, mentre SkyWall100 lancia in aria una rete avvolgente

Negli ultimi anni i droni si sono diffusi massicciamente, soprattutto grazie alla facilità con cui possono essere guidati. Inoltre, bastano poche centinaia di euro per comprare online un quadricottero con una buona autonomia e una buona affidabilità.

Questa proliferazione però può rappresentare un pericolo per la sicurezza delle persone. A partire dalla privacy, facilmente violabile da un drone. Alcuni paesi, ad esempio, sono scesi in campo per proteggere la sfera privata dei cittadini, bloccando per legge l’uso dei droni in pubblico, come nel caso della Svezia. In altre situazioni, questi strumenti tecnologici costituiscono minacce ancora più gravi. I droni, purtroppo, possono essere equipaggiati con armi ed esplosivi e usati da criminali e terroristi. Per far fronte a questo problema, alcune aziende hanno sviluppato dei sistemi avanzati anti-drone, capaci di neutralizzare i quadricotteri.

DroneGun

(Tratto da YouTube)

Tra le soluzioni messe a disposizione della tecnologia per abbattere in piena sicurezza i droni, troviamo DroneGun e SkyWall100. Il primo, che è stato realizzato dall’azienda DroneShield, è un dispositivo che annulla i segnali del velivolo – tra cui anche il GPS –  utilizzando un jammer, ovvero un disturbatore di frequenze che blocca la comunicazione tra il drone e il suo pilota. DroneGun non distrugge il drone, ma lo obbliga ad atterrare o a ritornare da dove è partito. Una delle caratteristiche più importanti del sistema anti-drone è data dal range di copertura: DroneGun, infatti, può bloccare i droni che volano fino a 2 chilometri di distanza. Inoltre, lo strumento può anche essere utilizzato per individuare la posizione del pilota.

SkyWall100

(Tratto da YouTube)

SkyWall100 ricorda per alcuni versi un arma tradizionale. A differenza di DroneGun, il sistema sviluppato dall’azienda inglese OpenWorks Engineering usa un proiettile speciale per neutralizzare la minaccia che arriva dall’alto. I droni sono, infatti, colpiti da un oggetto che lascia partire una rete che avvolge e abbatte il quadricottero. Tutto dipende dallo SmartScope, un telescopio digitale che calcola l’angolo di lancio e la velocità necessaria per raggiungere il target. Una volta individuato l’obiettivo, lo SmartScope inizia a emettere un beep e un flash di colore verde. A questo punto, al pilota non resta che premere solo il grilletto.

Ti raccomandiamo