apple airpower Fonte foto: Apple
APPLE

AirPower, il dispositivo Apple che forse non vedremo mai

Non ha mai visto la luce per non meglio precisati problemi tecnici, ora un presunto tappetino di ricarica wireless Apple AirPower compare senza veli in un video cinese

Non tutti i prodotti di Apple sono stati un successo di vendite e un capolavoro di tecnologia. La fotocamera digitale Apple QuickTake, il Macintonsh Portable, l’auricolare Apple Bluetooth del 2007 sono gli esempi più famosi di prodotti presentati e poi ritirati dal mercato poco dopo. Ma c’è anche un prodotto Apple che non è neanche arrivato a vedere la luce, nonostante l’annuncio: è AirPower, il tappetino per la ricarica wireless di Apple.

In teoria doveva essere un prodotto rivoluzionario, in grado di ricaricare contemporaneamente più dispositivi Apple diversi (fino a tre, cosa non prevista dallo standard Qi sul quale doveva basarsi il prodotto), anche con tensioni diverse come iPhone, AirPods e Apple Watch. Fu pre-annunciato a settembre 2017, ma nessuno lo ha mai visto realmente: invece di arrivare a inizio 2018 come previsto, infatti, fu più volte rinviato fino ad essere ufficialmente cancellato a marzo 2019. Il motivo era semplice e Apple lo disse senza mezzi termini: non era in grado di raggiungere gli standard qualitativi minimi che si richiedono ad un prodotto Apple. In molti si sono chiesti nel tempo che cosa è andato storto in AirPower, perché non funzionava a dovere. Ora spunta un video cinese in cui sembra esserci la risposta.

Il vero problema di AirPower

Il video in questione è stato pubblicato sulla piattaforma cinese Bilibili ed è un classico filmato “teardown“, un video in cui si smonta (sostanzialmente distruggendolo) un prodotto fino all’osso per capire come è fatto dentro. Quello che viene smontato, secondo l’autore del video, è proprio la parte interna di un tappetino AirPower: non c’è il case che potrebbe confermarlo, ma c’è una scheda madre in pieno stile Apple e una connessione Lightning.

Dal lato opposto della scheda madre c’è uno strato di grafite e uno strato plastico di protezione, sotto i quali ci sono ben 14 bobine magnetiche per la ricarica wireless, disposte su due livelli, uno sopra l’altro. Questo tipo di design, secondo l’autore del video, sarebbe la causa del vero problema di Apple AirPower: il surriscaldamento durante la ricarica dei dispositivi, in particolare dell’Apple Watch che, rispetto agli altri device di Apple, richiede una tensione di ricarica maggiore.

Apple AirPower: arriverà mai?

Nel video si accenna alla possibilità che Apple possa presentare una nuova versione del suo tappetino di ricarica wireless nel corso di questo autunno. Il che vorrebbe dire che l’AirPower definitivo potrebbe arrivare a inizio 2021 sul mercato. Va però precisato che non solo Apple non ha ancora pronunciato alcuna parola ufficiale in merito, ma non è neanche sicuro che il dispositivo smontato in questo video cinese sia realmente un prototipo di AirPower.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963