Libero
HOW TO

Come migliorare la privacy su iPhone

Apple ha una politica molto più stringente sulla privacy, ma è comunque possibile limitare ulteriormente i dati condivisi con Cupertino e con gli sviluppatori delle app

La tutela della privacy è diventata sempre più essenziale poiché archiviamo molte informazioni personali sui vari device che usiamo tutti giorni, dagli smartphone ai tablet e ai laptop. Tra le aziende che hanno mostrato grande attenzione alla privacy possiamo sicuramente annoverare Apple, famosa per il suo impegno in questo ambito e per le proteste sollevate dalle aziende, Meta in primis, che non possono più raccogliere facilmente i dati degli utenti iOS.

Anche se con gli iPhone la configurazione automatica è abbastanza rispettosa della privacy, possiamo migliorare la situazione agendo manualmente in determinati casi. Ad esempio, quando un’app si arresta in modo anomalo sul telefono, lo sviluppatore potrebbe ricevere una dei dati in merito per aiutarlo a individuare la causa di questo bug. Sebbene questi dati siano in genere anonimi, alcuni utenti potrebbero non sentirsi comunque a proprio agio. Inoltre, per condividere questi dati diagnostici è necessario che il dispositivo li invii al server di un’azienda. Ciò potrebbe influire sia sul piano dati sia sulla carica della batteria. Sebbene l’impatto sia molto ridotto, ci sono casi in cui gli utenti preferirebbero stopparlo. In tal caso, ecco come impedire ad Apple di raccogliere dati diagnostici su iPhone.

Come fermare la raccolta di dati su iPhone

Vale la pena ricordare che eseguendo questa procedura sarà impedito agli sviluppatori di Apple di raccogliere dati diagnostici anche dall’Apple Watch, nel caso ne sia stato associato uno all’iPhone. Infatti, non è possibile abilitare/disabilitare questa opzione per un dispositivo senza influire sull’altro.

Per bloccare l’invio di dati diagnostici raccolti dal nostro iPhone dobbiamo aprire le "Impostazioni" e selezionare la voce "Privacy", per poi scorrere in basso e selezionare la voce "Analisi e Miglioramenti".

Qui troveremo le opzioni da disattivare:  "Condividi analisi iPhone" e "Condividi con gli sviluppatori". Infine è necessario confermare facendo tap su Ok.

Fatto ciò, la prossima volta che un’app avrà un problema o si bloccherà il telefono non invierà alcun dato su questi eventi ad Apple, né a chi ha sviluppato l’app.

Cosa è meglio fare

Resta comunque possibile, ma meno facile, segnalare eventuali bug a Apple procedendo manualmente. La diagnostica dei dati è utile agli sviluppatori per riparare eventuali errori nel codice, al fine di rendere più sicure ed efficienti le app che usiamo sul dispositivo. La tutela della privacy è fondamentale, ma anche la sicurezza degli aggiornamenti è utile.

Per questo Apple permette di scegliere se disattivare entrambi i tipi di trasferimento dei dati, sia ad Apple che agli sviluppatori, oppure solo quelli agli sviluppatori. Sta a noi scegliere come comportarci.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963