Libero
DIGITAL LIFE

Come spiegare i social ai ragazzi

Poco prima dell'adolescenza, arriva oggi un altra passaggio fondamentale nella vita dei più piccoli, l'ingresso nel mondo digitale, che va supportato e accompagnato nel modo giusto.

Nell’era di tecnologia e social network, ricevere il primo smartphone e fare l’ingresso nel mondo online sono diventate milestone importanti nel percorso di crescita e, per questo, vanno affrontate con consapevolezza e una certa sensibilità. Anche i più piccoli, con il giusto supporto, possono beneficiare dei vantaggi di tecnologie e social media, comprendendoli, capendone le implicazioni per la salute mentale e imparando come comportarsi per proteggere la propria privacy.

Ecco alcuni consigli e buone pratiche per parlare ai bambini di questi temi, ormai parte integrante della quotidianità di tutti:

Meglio iniziare a parlarne presto 

Un approccio che può essere interessante per i più piccoli è quello dell’onboarding, che si oppone a quello delle restrizioni totali. I bambini, data la loro scaltrezza e considerato che non possono essere controllati in qualsiasi luogo e momento, anche se gli viene vietato lo smartphone, possono comunque trovare il modo di utilizzarlo. Per questo, è bene non aspettare che il bambino sia già un adolescente per iniziare a parlargli di tecnologia e internet. Con un dialogo tranquillo e sincero fin dai primi anni di vita è possibile allentare le restrizioni man mano che guadagna fiducia e confidenza con il mezzo e, soprattutto, dimostra di sapersi, almeno un minimo, regolare in autonomia. 

SocialMente. Per un uso consapevole della rete

SocialMente. Per un uso consapevole della rete

Stabilire delle regole

È importante stabilire delle regole chiare sull’uso della tecnologia, come, ad esempio, il limite di tempo giornaliero o le attività che è possibile svolgere online. Per questo anche i dispositivi stessi possono darci una mano, nello specifico grazie al Parental Control.

Su Android, andando nelle impostazioni, si trova la sezione Benessere digitale e controllo genitori, mentre su iPhone o iPad si possono scegliere quali app rendere inaccessibili o limitarne l’uso dopo un certo tempo nella sezione Tempo di utilizzo. O è possibile creare direttamente un account controllato per il bambino nella sezione Famiglia.

Ci sono momenti della giornata in cui i dispositivi possono interferire maggiormente con le attività quotidiane, con più possibilità di causare problemi. Ad esempio, gli schermi possono interferire con il sonno o con lo svolgimento dei compiti, per questo è importante parlare con i bambini anche dei momenti migliori e opportuni per utilizzare i dispositivi, aiutandoli con le tempistiche e spiegando le motivazioni. 

Super Social Kids: Exploring the Good Side of Social Media

Super Social Kids: Exploring the Good Side of Social Media

Parlare in modo chiaro e semplice

Per parlare di social media e internet, occorre utilizzare un linguaggio che il bambino possa comprendere e per cui non abbia paura di fare domande. È consigliabile navigare insieme a lui app, siti e piattaforme a cui sembra più interessato, tra pagine, menu e impostazioni per raccontargli come funzionano le dinamiche.

È bene parlare anche di privacy e sicurezza, mostrando, ad esempio, come e perché si stanno scegliendo determinate impostazioni e chi avrà la possibilità di scrivergli o di interagire con lui o lei. La cosa migliore sarebbe integrare l’utilizzo dei social all’interno delle conversazioni quotidiane, chiedendo come usa queste piattaforme e come si sente a riguardo.

Oltre a parlare apertamente, è importante essere disponibili ad ascoltare. Se il bambino ha dei dubbi o delle preoccupazioni, ascoltatelo con attenzione e cercate di aiutarlo a trovare delle soluzioni.

Manuale di Sopravvivenza per Aspiranti Teenager: Divertiti a Imparare come Usare i Social, Mangiare Sano, Fare le Faccende Domestiche, Gestire il Tempo, i Soldi e le Emozioni!

Manuale di Sopravvivenza per Aspiranti Teenager: Divertiti a Imparare come Usare i Social, Mangiare Sano, Fare le Faccende Domestiche, Gestire il Tempo, i Soldi e le Emozioni!

Essere esempi positivi

Potrebbe sembrare una banalità, ma spesso ci dimentichiamo che i bambini imparano tanti dei loro comportamenti dai modelli che hanno davanti ogni giorno ed apprendono osservando gli altri. Per far sì che usino la tecnologia in modo responsabile, il primo passo è quello di mostrargli come fare. 

Se controlliamo le email di lavoro o i messaggi a tavola, ad esempio, non potremo pretendere un comportamento molto diverso dai più piccoli. Per questo può essere utile parlare con loro e riflettere sul proprio rapporto con i media, condividendo eventuali errori e parlando anche del consenso, introducendo un altro tema fondamentale. Prima di postare contenuti che li riguardano, come foto e video, potremmo chiedere loro se sono d’accordo a condividere quella particolare immagine o momento della loro vita.

Parlare di tecnologia e social media con i bambini è un compito importante ed impegnativo, ma ormai fondamentale per aiutarli a crescere in modo sano e sicuro. Per iniziare, quindi, a trattare questo tema importante, ecco alcuni argomenti specifici da approfondire e condividere con i più piccoli:

  • I rischi della tecnologia: è bene parlare dei rischi che si corrono quando si usa la tecnologia, come ad esempio il cyberbullismo, la dipendenza da internet o la diffusione di informazioni false.
  • L’importanza dell’equilibrio: è importante esortare i più piccoli a trovare un equilibrio tra l’uso della tecnologia e le altre attività della vita, come ad esempio lo studio, lo sport e le relazioni sociali.
  • La privacy online: spiegare ai bambini l’importanza di proteggere la propria privacy online e di non condividere informazioni personali con persone sconosciute è fondamentale.

Italiaonline presenta prodotti e servizi che possono essere acquistati online su Amazon e/o su altri e-commerce. In caso di acquisto attraverso uno dei link presenti in pagina, Italiaonline potrebbe ricevere una commissione da Amazon o dagli altri e-commerce citati. I prezzi e la disponibilità dei prodotti non sono aggiornati in tempo reale e potrebbero subire variazioni nel tempo: è quindi sempre necessario verificare disponibilità e prezzo su Amazon e/o su altri e-commerce citati.

TAG: