browser google chrome Fonte foto: XanderSt / Shutterstock
APP

Come sarà la prossima versione di Chrome per Android

Sta per arrivare una nuova versione di Chrome per Android: è la numero 89 e porta alcune novità tecniche e grafiche.

Con il rilascio della beta di Google Chrome, avvenuto durante lo scorso weekend, si accorciano sempre di più i tempi previsti per l’arrivo sugli smartphone con sistema operativo Android della prossima versione del browser. Ma quali sono le principali novità che potrebbero essere integrate nella release definitiva numero 89?

Risale al 18 gennaio la penultima beta, ovvero la numero 88, del browser di Big G dedicato al sistema operativo del robottino verde. A neanche due settimane di distanza dall’ultimo rilascio, il quartier generale di Mountain View ha confermato la possibilità di poter iniziare a sfruttare la nuova versione di test che dovrebbe anticipare di una manciata di giorni – almeno stando alle previsioni del team di sviluppo – la release definitiva. Molte sono le novità introdotte, già utilizzabili effettuando il download della release beta da Google Play Store o da APK Mirror, che potrebbero entrare a far parte di quello che è il browser più utilizzato su tutti i device mobile se dovessero rivelarsi perfettamente funzionanti.

Google Chrome per Android, le novità tecniche

Con l’introduzione della beta 89, Chrome ha scelto di far debuttare la feature che è stata denominata Privacy Sandbox. Si tratta, come definito da Google stessa nel sito dedicato al Progetto Chromium, di un particolare “ecosistema web rispettoso degli utenti e privato per impostazione predefinita“.

In pratica, una volta abilitata questa modalità, i siti web e gli advertiser non saranno più in grado di visualizzare e utilizzare a fini di marketing le preferenze del singolo utente, ma esclusivamente di gruppi di utenti accomunati da interessi simili. Per poter iniziare a sfruttare fin da subito la nuova funzionalità è necessario attivare il flag dedicato, disponibile al link chrome://flags/#privacy-sandbox-settings, in modo da poter rendere visibili tutte le opzioni all’interno della sezione delle impostazioni dedicate alla Privacy.

Le novità in arrivo coinvolgono anche le Progressive Web App, ovvero quelle particolari app che uniscono le caratteristiche delle pagine web con quelle delle applicazioni per dispositivi mobile. Con l’introduzione di un flag specifico, #mobile-pwa-install-use-bottom-sheet, Google ha apportato alcune modifiche alla modalità di installazione, consentendo così agli utenti di visualizzare screenshot e informazioni rilevanti prima di procedere con l’aggiunta al browser.

Con la release 89 beta diventa possibile anche caricare nativamente alcune tipologie di contenuti, come il formato fotografico AVIF con codifica AV1 (sia per quanto riguarda Android che per WebView), e sfruttare il supporto dedicato ai file con specifiche XFA (XML Forms Architecture) in fase di lettura dei PDF. A ciò si aggiunge poi l’abilitazione di default di WebHID API e Web Serial API (quest’ultima sui sistemi operativi Chrome OS e Windows).

Google Chrome per Android, le novità grafiche

Per quanto riguarda la parte grafica, l’aggiornamento riguarda il feed Discover, presente all’apertura di una nuova pagina. L’aspetto rinnovato sarà più arioso, con i contenuti disposti in maniera simile alla precedente versione ma senza i box a delimitare l’area occupata da ogni singola news presente nell’elenco.

Ultima ma non meno importante è la nuova veste grafica del popup riportante le informazioni del sito web nel quale si sta navigando. Attivando il flag #page-info-discoverability sarà possibile visualizzare tutti i dettagli mostrati al tap sull’icona del lucchetto presente sulla barra degli indirizzi in un formato elenco, più facile da leggere rispetto alla precedente impostazione.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963