ruota-industria-4 Fonte foto: Shutterstock
PMI E INDUSTRIA 4.0

Con l'Industria 4.0 i pneumatici del futuro saranno smart

Pirelli, Michelin e Goodyear stanno testando delle ruote realizzate con additivi particolari e che utilizzano l'intelligenza artificiale

15 Settembre 2017 - I cambiamenti e le tecnologie alla base dell’Industria 4.0 stanno iniziando a interessare anche i produttori di pneumatici. Pirelli, Goodyear e Michelin stanno infatti testando delle particolari ruote smart capaci di collegarsi con i sensori dell’auto e di adattarsi in base al terreno e alle condizioni dell’asfalto.

Grazie all’Internet of Things questi particolari pneumatici riescono a interagire con i sensori e con gli altri oggetti intelligenti nelle vicinanze. Ma l’IoT non è l’unica innovazione che porterà a una rivoluzione nel mondo delle ruote per veicoli. Pirelli, per esempio, sta lavorando su gomme da strada alimentate dall’intelligenza artificiale e dal cloud computing. In questo modo le ruote sapranno correggere gli errori del conducente, potranno evitare fenomeni come l’aquaplaning e avviseranno all’istante il guidatore in caso di foratura o di altre anomalie. Grazie alla stampa 3D questi pneumatici intelligenti verranno realizzati con additivi speciali che diminuiranno il deterioramento ed eviteranno danni da sbalzi di temperatura e da contatto.

Pneumatici intelligenti

Per fare un esempio concreto le gomme Eagle 360 Urban di Goodyear sono stampate in 3D e sono in grado di adattarsi alle strade in tempo reale, grazie a dei particolari polimeri e a dei sensori superelastici che trasmettono costantemente informazioni via cloud. Anche Pirelli ha sviluppato una piattaforma cloud che consente di analizzare, grazie a dei sensori presenti sulla ruota,  lo stato di salute dei pneumatici. Michelin invece ha pensato a un tag RFID che cattura e invia dati in tempo reale dalle gomme dei camion. Si tratta di soluzioni abbastanza semplici da applicare agli attuali pneumatici ma sono degli escamotage che aumenteranno moltissimo la sicurezza stradale. Inoltre per i produttori i dati in arrivo sono anche un’ottima fonte per scoprire come poter migliorare le ruote in base all’uso e alle caratteristiche di un mezzo. Michelin per esempio sta già creando delle ruote personalizzate per veicoli particolari, come camion e mezzi di trasporto pubblico, che sono state realizzate partendo dai dati arrivati in azienda dai sensori Internet of Things.

Contenuti sponsorizzati