Libero
SCIENZA

Dove la costa Italiana è diventata rosa: perché la spiaggia ha "cambiato" colore

Il rosa è il colore tipico di alcune delle spiagge più belle d'Italia, una tonalità affascinante e che si spiega molto facilmente

Bianca o dorata: sono queste le due sfumature che vengono subito in mente quando si pensa alla spiaggia. Effettivamente sono i colori prevalenti, ma non gli unici visto che, soprattutto nel nostro Paese si possono incontrare e ammirare delle incantevoli spiagge rosa. È un vero e proprio spettacolo della natura, una visione di sicuro indimenticabile.

Tante coste italiane sono caratterizzate proprio da questo elegante colore, dalla Sicilia alla Sardegna, passando per la Puglia e non solo. In realtà anche all’estero si possono apprezzare lidi dello stesso tipo, ma la varietà del Belpaese è a dir poco incredibile e merita di essere conosciuta più a fondo.

Come si forma la sabbia rosa

Anzitutto bisogna capire perché una determinata spiaggia diventa rosa. Qual è la spiegazione per una tonalità così suadente? Dipende tutto dalla presenza di tantissimi pezzi di corallo, conchiglie e frammenti di granito di piccole dimensioni. Il colore è prevalente a causa di un microrganismo che si trova nella posidonia, una pianta acquatica molto comune. Questo stesso microrganismo va ad attaccarsi alle conchiglie e, una volta a contatto con la sabbia, l’intero paesaggio si trasforma. Questa pianta è tipica del Mar Mediterraneo e con le sue praterie sottomarine riveste un ruolo fondamentale per l’intera ecologia. Ma quali sono le spiagge rosa da andare a scoprire almeno una volta nella vita?

In Sardegna si può trovare un esempio perfetto di tutto quello che è stato appena descritto. Nella parte Nord dell’isola, infatti, sorge uno dei principali simboli dell’Arcipelago della Maddalena, oltre che una meraviglia della natura. Si sta parlando della spiaggia rosa dell’isola di Budelli. Il tutto si sviluppa per circa dodici chilometri, mentre l’intero territorio è incontaminato e ha una dimensione di circa 25 ettari. Tra l’altro, dettaglio di non poco conto, Budelli vanta un solo proprietario, il custode. Qui le scogliere granitiche nascondono idealmente le calette, con il prezioso contributo del mare di un blu intenso che rende il panorama ancora più emozionante.

Altre spiagge dall’inconfondibile colore rosa

Lo stesso discorso vale per la spiaggia rosa di Marsala. Si tratta della meta ideale per chi apprezza lidi fuori dal comune, ma anche per chi vuole praticare del buon trekking. Più che i granelli, ad essere di questo colore è il mare: gli antichi stabilimenti salini del posto hanno determinato la tonalità dell’acqua, rendendola un’attrattiva irresistibile. Non è da meno la Puglia, in particolare il Salento con Punta Prosciutto. È qui che la sabbia bianchissima tende ad assumere sfumature rosa e dorate, in primis sulla riva. Non sono comunque tutte rose e fiori.

La già citata spiaggia rosa di Budelli è in serie difficoltà da qualche tempo a questa parte. L’approdo di imbarcazioni e le maree che sono piuttosto irregolari in questa zona della Sardegna hanno finito per incidere negativamente sulla crescita della posidonia. Ecco perché la composizione della sabbia è cambiata in maniera radicale e potrebbe farlo ancora nel corso dei prossimi anni. C’è poi da tenere conto dell’atteggiamento non sempre encomiabile di alcuni turisti, visto che piccole quantità di granelli rosa sono state portate via senza troppi problemi come souvenir.

La tua nuova auto con il noleggio a lungo termine

Libero Annunci

Libero Shopping