file manager android Fonte foto: Sharaf Maksumov / Shutterstock.com
HOW TO

Dove sono i file scaricati con lo smartphone Android?

Il File Manager di Android permette di gestire, controllare e cancellare i contenuti scaricati dal web. Ecco dove si trova nello smartphone

1 Maggio 2019 - Se possiedi uno smartphone Android, sicuramente ti sarà capitato di scaricare dei file dal web. Senza contare che i dispositivi di ultima generazione permettono di scansionare o modificare i documenti, quindi si può tranquillamente evitare l’uso del computer. Purtroppo, non sempre è possibile rintracciare subito dove sono i file scaricati con lo smartphone Android.

Questo perché quando il sistema operativo venne lanciato, non prevedeva un’app dedicata alla gestione dei download, con i documenti che erano scaricati in una cartella che spesso risultava irreperibile. Molto è cambiato da allora: il sistema si è evoluto in accordo con le nuove esigenze degli utenti. Tuttavia, il reperimento dei file scaricati rimane per molti un mistero o comunque un’operazione abbastanza complicata. La maggior parte dei dispositivi Android ha un File Manager preinstallato, in alternativa su Google Play sono disponibili diverse app per reperire e organizzare i documenti sul cellulare.

File scaricati con lo smartphone Android: la cartella Download

Solitamente il file manager negli smartphone è contenuto in un’applicazione chiamata “I miei file” che però può cambiare nome in base al dispositivo. Per esempio, nei cellulari Google Pixel si chiama semplicemente File, mentre in quelli Samsung è possibile trovarla come “My Files”. Indipendentemente dal dispositivo, l’obiettivo è trovare l’apposita app e poi accedere alla cartella Download. Al suo interno è possibile trovare tutti i file scaricati. Solitamente, i documenti sono organizzati in ordine cronologico, quindi dal più recente al più vecchio. Tuttavia, questa funzione si può personalizzare grazie alla voce “Ordina per” seguita da diverse opzioni. Per esempio, i documenti possono essere visualizzati in base al formato o al nome. Se hai difficoltà nel raggiungere e lavorare su questa cartella, puoi affidarti alle app esterne.

App per gestione dei file scaricati su Android

Le alternative presenti su Google Play sono diverse. Tra tutte puoi affidarti all’app gratuita Astro. Questo strumento supporta il salvataggio in cloud per i servizi Dropbox, Facebook e Google Drive. Inoltre, permette di organizzare i documenti presenti nel dispositivo in base alla tipologia: musica, video, documenti personali e così via. Naturalmente sono reperibili anche i file scaricati. La grafica è gradevole e rende l’applicazione molto intuitiva e facile da usare.

Un’alternativa, perfetta per chi è attento all’interfaccia grafica, è AntTek Explorer che si può scaricare gratuitamente su Google Play. Il design è molto pulito e può essere personalizzato secondo le proprie esigenze. Per esempio, nel lato sinistro ci sono delle scorciatoie per accedere alla memoria della scheda SD o della memoria interna del dispositivo. È anche possibile inserire dei segnalibri o apportare altre customizzazioni. L’app si rivela utile per chi cerca uno strumento professionale e dotato di tante funzionalità per archiviare e organizzare i file sul cellulare.