APP

Google Foto: che succede il 1 Giugno

Dal 1 giugno 2021 Google Foto sarà protagonista di un cambiamento importante che impatterà su tutti coloro che lo utilizzano. Ecco come non essere impreparati

Giuseppe Croce
Giuseppe Croce Giornalista

Peppe Croce, giornalista dal 2008, si occupa di device elettronici e nuove tecnologie applicate al mondo automotive. È entrato in Libero Tecnologia nel 2018.

È noto da parecchi mesi il motivo per cui per adesso si parla tanto di Google Foto, la galleria di Mountain View che si articola in delle applicazioni per Android e iOS ed in un servizio di archiviazione in cloud. È noto da quando Google lo scorso novembre ha annunciato all’improvviso lo stop allo spazio illimitato per foto e video a partire da giugno 2021.

Un momento che sembrava non dovesse mai arrivare, ma che alla fine è arrivato. E adesso in molti cercano risposta ad alcune domande sulla decisione di Google, mentre chi non conosceva Google Foto e ne ha sentito parlare solamente negli ultimi giorni adesso vorrebbe saperne di più. Il servizio di Google offre due modalità di caricamento dei contenuti in cloud: in Qualità originale, ossia con un backup senza compressione, ed in Alta qualità che invece prevede una “qualità leggermente inferiore" a quella originale. La prima modalità intaccava e intacca il monte dei 15 GB che Google mette a disposizione gratuitamente a chiunque, la seconda è stata alla base del successo di Google Foto perché priva di limitazioni sullo spazio occupato. Dal primo giugno le due differiranno solo per la qualità di caricamento.

Cos’è Google Foto e cosa offre

Google Foto come detto è un servizio per l’archiviazione sulla memoria fisica di smartphone e tablet, sia Android che iOS, oppure, volendo, in cloud. Esiste infatti un’app da scaricare gratuitamente tramite Play Store ed App Store che, se non si vogliono caricare foto e video sui server di Google, può essere utilizzata come galleria fotografica.

Dal primo giugno in poi quindi l’app non diventerà inutile, sarà solamente meno ricca di possibilità per coloro che non vogliono pagare un abbonamento a Google One una volta esaurito lo spazio di archiviazione gratuito di 15 GB. Google Foto fa parte infatti dei servizi Google ed i 15 GB gratuiti sono condivisi tra i vari servizi.

Per essere più chiari possibile ecco un esempio: se si carica un file su Google Drive da 13 GB rimangono 2 GB da sfruttare per tutti gli altri servizi – Google Foto incluso – prima di dover cancellare qualcosa o di dover passare ad un piano a pagamento per ottenere più spazio.

Google Foto, comunque, è una galleria fotografica secondo alcuni eccezionale. Sfrutta infatti tutta la sapienza di Google in tema di intelligenza artificiale, si integra alla perfezione con Android ed è organizzata in modo razionale. Probabilmente alcuni tra coloro che negli anni hanno imparato ad apprezzarla la utilizzeranno anche senza poter contare sul cloud.

Cosa succederà alle foto già caricate?

Cosa succederà ai contenuti caricati prima di giugno 2021? Tutte le foto ed i video in Alta Qualità caricati in precedenza non subiranno modifiche né intaccheranno i gigabyte disponibili. È cosa “furba" quindi quella di caricare tutto entro il primo giugno.

E i Google Pixel?

A chi possiede un Google Pixel 3a o successivo non cambierà nulla, nemmeno da giugno 2021: lo spazio di archiviazione su Google Foto in Alta qualità rimarrà illimitato. Per chi ha un Google Pixel 3 il “privilegio" scade il 31 gennaio 2022, mentre per le generazioni precedenti valgono le considerazioni fatte per qualsiasi altro smartphone.

Quanto costa Google Foto

Lo spazio di archiviazione a pagamento ha gli stessi costi di quelli previsti per Google One, essendo Google Foto parte di One. Si parte da un mensile di 1,99 euro per 100 GB (19,99 euro/anno), 2,99 euro per 200 GB (29,99 euro/anno) e infine 9,99 euro per 2 TB (99,99 euro/anno).

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963