Libero
smartphone pieghevole Fonte foto: Shutterstock
ANDROID

Il primo smartphone pieghevole di Oppo è pronto: quando arriva

Il primo pieghevole di Oppo sarebbe ormai pronto ad imboccare la via del mercato: ecco quando arriverà secondo le ultime indiscrezioni di un leaker affidabile

Oppo sarebbe ormai pronta a concorrere in un settore che si prevede in forte espansione, quello degli smartphone pieghevoli. Le indiscrezioni sono riuscite ad ottenere delle indicazioni su quando potrebbe arrivare il primo smartphone che andrebbe a sfidare i prodotti molto validi già presenti sul mercato, e la notizia è che non manca molto.

Mancherebbe poco quindi al debutto del primo smartphone pieghevole di Oppo. Le indiscrezioni più recenti si sono sbilanciate in merito al suo arrivo sul mercato, indicando il mese di novembre come quello che Oppo avrebbe individuato per gettarsi all’inseguimento di chi è arrivato prima. Su tutti c’è da scalfire la leadership di Samsung che è già alla terza generazione di pieghevoli, e che con l’ultima pare aver centrato la formula corretta tra specifiche, qualità costruttiva e prezzo, specie con Galaxy Z Flip3. Oppo sarebbe quindi pronta alla “lotta", in un segmento che si prevede in rapida espansione.

Il pieghevole di Oppo con design “a libro"

Samsung può vantare due pieghevoli a listino, uno con design a conchiglia l’altro che si apre “a libro". Il pieghevole di Oppo dovrebbe appartenere a quest’ultima categoria, quindi in linea con Galaxy Z Fold3, Xiaomi Mi Mix Fold e Huawei Mate X2. Secondo le indiscrezioni, Oppo avrebbe progettato un prodotto con uno schermo OLED di tipo LTPO – tecnologia recente che riduce i consumi di parecchio rispetto al passato – da 8 pollici e con una frequenza di aggiornamento di 120 Hz.

Possibile, vista la presenza della tecnologia LTPO, che la frequenza di aggiornamento possa essere variabile, ossia con il software di gestione in grado di adeguare gli hertz a seconda dell’attività svolta, per centrare sempre il compromesso corretto tra fluidità e consumi di energia. Lo Snapdragon 888 che si dice possa essere messo in “cabina di regia" del pieghevole di Oppo è un chip molto potente, e che, spinto al massimo, consuma anche parecchio, per cui con una tecnologia di questo tipo si riuscirebbero ad evitare “sprechi" di energia incrementando l’autonomia.

La batteria non brilla, ma la ricarica è veloce

A tal proposito, le indiscrezioni anticipano che all’interno dello smartphone pieghevole di Oppo ci sarà una batteria da 4.500 mAh, certo non grandissima (considerando anche quanto consumano due schermi così grandi) ma con la possibilità di ricaricarla rapidamente grazie alla tecnologia da 65 watt di potenza.

Inoltre è emerso che avrà una fotocamera principale sul retro Sony IMX766 da 50 megapixel: non sarà l’unica, ma per il momento non si conoscono altre informazioni sui sensori che comporranno il gruppo fotocamere.

All’anteriore ci sarà un sensore da 32 megapixel per i selfie, e anche in questo caso le indiscrezioni hanno taciuto sulla possibilità che la fotocamera possa essere integrata sotto lo schermo, come su Samsung Galaxy Z Fold3. Chissà che Oppo non abbia lavorato in questa direzione e abbia ottenuto le competenze per sistemarla sotto lo schermo riuscendo ad ottenere risultati soddisfacenti sotto il profilo della qualità di scatto. Il lettore di impronte per lo sblocco sicuro, invece, sarà laterale: sul telaio.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963