Libero
TECH NEWS

Loongson 3A6000, il chip cinese che va come i nuovi Intel

Il Loongson 3A6000 stupisce nei nuovi test con un notevole incremento delle prestazioni rispetto alla precedente generazione e risultati vicini ai chip di Intel

loongson ls3a6000 Fonte foto: Loongson

La Cina continua il suo cammino verso l’indipendenza tecnologica: uno dei passaggi più importanti di quest’iniziativa riguarda la realizzazione di CPU per computer e server. Il nuovo chip Loongson 3A6000 rappresenta un passo importante in questa direzione. Il processore, come confermano i primi test, riesce a garantire prestazioni più che soddisfacenti, raggiungendo il livello dei chip Intel grazie anche alla possibilità di utilizzare il Simultaneous Multi-Threading (SMT2) per l’elaborazione di più thread in contemporanea, una funzione non disponibile con le versioni precedenti del chip.

Loongson 3A6000: come è fatto il chip

Il nuovo Loongson 3A6000 è un processore quad-core con possibilità di gestire fino a 8 thread. La frequenza di picco è pari a 2,5 GHz. Si tratta di un valore abbastanza ridotto rispetto ai processori desktop di nuova generazione di Intel e AMD, che superano facilmente i 4 GHz. Il chip è realizzato con architettura Dragon di quarta generazione, con core LA664, e con un processo produttivo a 12 nm, decisamente non l’ultimo ritrovato della tecnica.

Nonostante il processo produttivo tutt’altro che di ultima generazione, tuttavia, questo chip di Loongson consuma abbastanza poco: 38 watt a 2,5 GHz di frequenza.

Il processore ha una cache di primo livello da 64 Kb, una di secondo livello da 256 Kb e una di terzo livello da 16 MB. Può gestire memorie RAM DDR4 a 3,2 GHz, anche con controllo d’errore ECC (fondamentale per i server).

Loongson 3A6000: come va nei primi test

I primi test su questo chip, effettuati con benchmark SPEC CPU 2006 e UnixBench, confermano un enorme passo in avanti per Loongson 3A6000 rispetto alla generazione precedente, Loongson 3A5000. Si tratta di un miglioramento delle prestazioni che arriva fino al 75%. Il nuovo chip è stato in grado di tenere testa al processore Intel Core i3-10100 (dotato di un’architettura con 4 core e 8 thread e lanciato da Intel nel 2020). Il dato interessante è legato ai consumi.

Il chip Loongson, infatti, si avvicina alle prestazioni del chip Intel ma registra un consumo inferiore oltre che una frequenza di funzionamento massima nettamente più bassa (2,5 GHz contro 4,3 GHz).

Ancora più interessante è il confronto con il nuovo Intel Core i5-14600K, processore appartenente all’ultima generazione della gamma Intel Core. Bloccando la frequenza di clock a 2,5 GHz, quindi abbassando quella massima del chip Intel, il Loongson 3A6000 è riuscito a superare (in alcuni test) il Core i5-14600K, ottenendo, nello stesso tempo, prestazioni superiori del 40% rispetto al Core i3-10100.

Il miglioramento della frequenza di funzionamento, che potrebbe arrivare che le prossime generazioni della CPU, garantirà al chip Loongson un importante passo in avanti in termini di performance, rendendo il processore in grado di rappresentare un’alternativa concreta, dal punto di vista commerciale, ai processori Intel, almeno per il mercato cinese.

Il progetto ha il supporto di ASUS che ha realizzato la scheda madre XC-LS3A6M, specifica per questo chip. A differenza delle precedenti generazioni del chip, inoltre, con 3A6000 è stata introdotta anche la possibilità di utilizzare la memoria DDR4, per un ulteriore upgrade in termini di performance.