Monese Fonte foto: Shutterstock
HOW TO

Monese: cos'è, come funziona, costi, dove ricaricare

Monese è un istituto bancario con licenza britannica creato nel 2016 nel Regno Unito. Disponibile anche in Italia,mette a disposizione carta e conto gratis

GuadNel corso degli ultimi anni, aprire un conto corrente gratis online è divenuto sempre più facile e veloce. Merito anche della “proliferazione” di fintech che, un po’ in tutto il mondo, offrono prodotti gratuiti e tarati sulle esigenze più diverse. Si tratta, nella stragrande maggioranza dei casi, di strumenti avanzati, che possono essere controllati agevolmente da smartphone e PC.

E’ il caso di Monese, azienda fintech creata nel 2015 nel Regno Unito e attiva da diversi anni anche in Italia. Grazie alla licenza della FCA britannica (la Financial Conduct Authority, l’autorità non governativa che regola il mondo finanziario del Regno Unito), Monese può essere considerata alla stregua di un istituto bancario, che ha la possibilità di gestire conti correnti con tanto di IBAN. A differenza delle banche “normali”, però, Monese dà modo agli utenti di avere a disposizione un conto bivaluta (euro e sterlina), che garantisce un ulteriore livello di libertà ai propri clienti.

Cos’è Monese

Monese è una fintech britannica con licenza della FCA per creare e gestire conti correnti con IBAN europeo. Si tratta, quindi, di un prodotto rivolto a tutti i cittadini europei, italiani inclusi. Il conto corrente, inoltre, è bivaluta: l’utente può gestire i suoi fondi sia in euro sia in sterlina, in base alla convenienza del momento. Pur essendo un istituto con regolare licenza rilasciata dall’autorità finanziaria britannica, Monese non eroga prestiti o mutui. Allo stesso tempo, però, è possibile richiedere una carta contactless prepagata del circuito Mastercard collegata direttamente al conto.

Come funziona Monese

Le peculiarità di Monese è di essere gestibile, sin dal primo secondo, attraverso lo smartphone. L’apertura del conto avviene, nel giro di pochi minuti, tramite l’app Android o iPhone. Dopo averla scaricata sarà sufficiente seguire la procedura guidata, inserendo i propri dati anagrafici e personali, gli estremi del documento e altre informazioni necessarie all’istituto britannico. Non preoccupatevi: anche se la mole di dati richiesti può sembrare elevata, si tratta di richieste del tutto normali e Monese è sicura. Nel corso della procedura vi verrà chiesto di inserire un codice per ottenere il bonus Monese: si tratta di 15 euro che verranno accreditati sul conto nel giro di qualche ora.

Dopo che saranno stati verificati i dati, il conto sarà immediatamente operativo e, come detto, potrà essere gestito direttamente dallo smartphone. Nella schermata principale sarà visibile il saldo e gli ultimi movimenti effettuati, oltre ai collegamenti alle funzioni principali del conto (e dell’applicazione): da qui sarà possibile aggiungere fondi al proprio conto; monitorare le uscite e creare “salvadanai”, delle sottosezioni del conto dove poter depositare dei soldi e risparmiare.

Per ricaricare Monese si hanno a disposizione diverse possibilità: attraverso un’altra carta di credito o debito; facendo un bonifico online con SOFORT, con un normale bonifico bancario o richiedendo denaro a uno dei propri amici che ha Monese.

Nella parte inferiore della schermata principale sono presenti anche altre scorciatoie. Pigiando su Carta sarà possibile richiedere e gestire la prepagata contactless del circuito Mastercard; da Paga sarà possibile fare pagamenti verso altri conti corrente o conti Monese e impostare pagamenti ricorrenti; da Guadagna sarà possibile visualizzare il proprio codice invito, il codice Monese da inviare ai propri amici per guadagnare fino a 20 euro per ogni nuovo conto aperto; in Altro si troveranno invece i collegamenti per l’assistenza clienti, l’estratto conto e le coordinate del proprio conto corrente.

Monese, poi, dà modo di pagare direttamente con lo smartphone: la carta di debito contactless può essere aggiunta a PayPal, Google Pay o Apple Pay, così da non essere obbligati a portare con sé la carta “fisica”.

Carta Monese

Aprendo un conto corrente con Monese è possibile richiedere una carta di debito contactless del circuito Mastercard. Direttamente collegata al proprio conto, consente di effettuare pagamenti online, nei punti vendita che accettano pagamenti Mastercard e per ritirare soldi dai bancomat di tutto il mondo. La carta può essere gestita pigiando sull’omonima voce presente nel menu dell’app: da qui si potrà vedere il codice PIN, bloccare la carta in caso di furto o smarrimento e chiedere una carta virtuale Monese per soli acquisti online (o per pagare con lo smartphone grazie all’integrazione con Google Pay e Apple Pay).

Costi Monese

Il conto base di Monese è completamente gratuito. Si tratta del profilo Simple, che consente di ritirare fino a 200 euro al mese dai bancomat (commissione del 2% su cifre superiori), spendere l’equivalente di 2.000 euro al mese in valuta estera (commissione del 2% su cifre superiori) e la possibilità di inviare denaro in valuta estera con una commissione del 2%. L’invio della carta di debito “fisica” costa 4,95 euro; i tempi di ricezione sono variabili (solitamente, meno di una settimana).

Oltre al conto gratis, gli utenti con esigenze differenti possono scegliere di attivare uno dei due profili a pagamento: Classic e Premium.

Aprendo un conto Monese Classic si potranno prelevare fino a 900 euro dagli sportelli bancomat che accettano carte Mastercard (per cifre superiori c’è una commissione del 2%); spendere fino all’equivalente di 9.000 euro al mese in valuta estera (commissione dello 2% su cifre superiori) e inviare denaro in valuta estera con una commissione dello 0,5%. Il costo di Monese Classic è di 5,95 euro al mese.

Aprendo un conto Monese Premium non si avranno limiti di prelievo o spesa né commissioni sull’invio di denaro in valuta estera. Il costo di Monese Premium è di 14,95 euro al mese.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963