netflix Fonte foto: DenPhotos / Shutterstock.com
TV PLAY

Netflix si torna allo streaming alla massima qualità, stop ai limiti

Netflix in Germania sta progressivamente eliminando il blocco alla qualità dello stream video, tornado agli standard qualitativi pre-Covid 19

Comincia la Fase 2 anche per Netlix: i limiti imposti al bitrate dello streaming che riducevano la qualità video dei film e delle serie TV cominciano a essere eliminati. Non c’è ancora nessuna comunicazione ufficiale da parte dell’azienda, ma arrivano le prime testimonianze da parte di utenti tedeschi che dopo due mesi hanno nuovamente la possibilità di vedere lo stream video a una qualità 4K a 15.25Mbps. Fino a pochi giorni fa gli stessi utenti avevano un blocco che limitava il flusso dati a 7.62Mbps, limite imposto in Europa da Netflix per non “rompere la Rete”.

Per capire cosa riguarda questa notizia, bisogna fare un passo indietro, all’inizio dell’epidemia di Covid-19 che a inizio marzo ha colpito tutta Europa. Con l’inizio della pandemia e l’obbligo per le persone di rimanere in casa, si è assistito a un notevole aumento dell’utilizzo della rete Internet. Aumento che ha messo sotto stress la rete europea con il rischio concreto di una “rottura” da parte di Internet. Per questo motivo l’Unione Europea si è mossa per tempo e ha chiesto ai vari servizi di video streaming di diminuire la qualità della riproduzione in modo da alleggerire il peso sugli ISP (Internet Service Provider).

Tutti i principali servizi di streaming, a partire da Netflix, hanno risposto tempestivamente diminuendo il bitrate e la qualità dei video. Ma ora, con l’allentamento delle restrizioni e con una buona parte delle persone che sta lentamente tornando a lavoro, Netflix ha deciso di tornare a offrire lo streaming alla massima qualità.

Netflix, streaming alla massima qualità, ma non per tutti

Le testimonianze sulla rimozione dei limiti per la qualità dello streaming arrivano per il momento solo dalla Germania. Netflix molto probabilmente sta valutando caso per caso insieme agli ISP dei singoli Paesi. Per tornare alla situazione precedente bisognerà ancora aspettare un paio di settimane, quando la maggior parte delle persone saranno tornate ai loro vecchi ritmi. In Italia, ad esempio, non ci sono testimonianze sul fatto che la qualità video sia tornata agli standard precedenti.

Probabilmente anche le altre applicazioni di video streaming seguiranno l’esempio di Netflix e dalle prossime settimane toglieranno tutti i limiti imposti. Un ritorno alla normalità (apparente) passa anche tramite questi piccoli cambiamenti.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963