Libero
GUIDE ALL’ ACQUISTO

Quale action cam comprare: nuova sfida tra DJI e GoPro

Il mercato delle action cam di qualità non è molto vasto e vive da qualche tempo della sfida tra DJI e GoPro, che si rinnova con il lancio in contemporanea dei due dispositivi.

 Luca Viscardi  Divulgatore e blogger di tecnologia

Conduttore radiofonico, blogger e scrittore. Da anni impegnato nella divulgazione della cultura digitale, è fondatore e Chief editor di MisterGadget.Tech

Per una pura coincidenza, o per lanciare in modo ancora più chiaro il guanto di sfida, le action DJI Action 3 e GoPro Hero11 Black sono arrivate sul mercato lo stesso giorno alla stessa ora. Questa situazione rinnova chiaramente la rivalità tra i due marchi nel mercato delle videocamere per lo sport, il tempo libero e l’avventura all’aria aperta.

GoPro, da anni, è leader assoluta del mercato, con una superiorità quasi schiacciante rispetto a qualunque altro avversario: questo non ha però impedito a DJI di entrare nel mercato e di ritagliarsi immediatamente un ruolo da protagonista. Per chi non lo sapesse, stiamo parlando di un marchio cinese, la cui principale specializzazione è quella dei droni professionali e degli stabilizzatori per le fotocamere. Partendo da questi due segmenti, DJI ha poi allargato le sue sfere di interesse, introducendo droni “consumer", che si possono utilizzare anche per il proprio divertimento, insieme ad una serie di curiosi dispositivi dedicati alla produzione di video in libertà.  DJI Pocket 2, ad esempio, è una piccola videocamera stabilizzata tascabile grado di catturare immagini di ottima qualità; a completare la proposta è arrivata da un paio di anni anche la action cam, che è entrata sul mercato in punta di piedi ma che oggi sgomita per ritagliarsi uno spazio.

GoPro HERO11 Black – Action Cam Impermeabile con Video Ultra HD 5.3K60, Foto da 27 MP, sensore di Immagine da 1/1,9,

GoPro HERO11 Black – Action Cam Impermeabile con Video Ultra HD 5.3K60, Foto da 27 MP, sensore di Immagine da 1/1,9,

Le principali differenze tra DJI Action 3 e GoPro Hero11 Black

Senza voler spaccare il capello, possiamo sicuramente sintetizzare le principali differenze tra le due proposte del mercato action cam: GoPro arriva ad una definizione superiore, spingendosi fino a 5.3K, mentre DJI Action 3 si ferma a 4K con 60 frame al secondo se si gira con il taglio 16:9.

Bisogna però sottolineare una soluzione davvero singolare adottata dal nuovo modello di GoPro, quello cioè di un sensore che è quasi quadrato e permette di ruotare la videocamera di 360° mantenendo le riprese parallele all’orizzonte.

Questa è la vera novità di GoPro Hero11 Black, che combina lo strano formato 8:7 con un processore potentissimo, il GP2, in grado di gestire una stabilizzazione molto efficiente e un’ottima calibrazione dei colori, anche nelle situazioni più difficili, in particolare quelle che si riscontrano quando si passa velocemente dal buio alla luce o viceversa.

Ovviamente, queste riprese quasi quadrate possono essere elaborate in fase di montaggio per ottenere il formato desiderato, che può essere quello quadrato di Instagram, il tradizionale taglio 16:9 di televisione e YouTube, oppure quello verticale di molti social network.

DJI Osmo Action 3Fonte foto: MisterGadget.Tech

Per contro, DJI Action 3 presenta una soluzione molto pratica con un aggancio magnetico, che risulta essere la più immediata e più semplice tra quelle disponibili sul mercato: passare da un supporto all’altro comporta pochissimi gesti, da completare nell’arco di frazioni di secondo. Non solo, perché con una specie di gabbia, da installare sopra la videocamera, è possibile passare in tempo quasi zero da riprese orizzontali a riprese verticali, adattando il tipo di registrazione grazie al giroscopio incorporato.

I vantaggi di DJI Action 3

Come anticipato, DJI Action 3 presenta alcuni dettagli tecnici inferiori a quelli di GoPro, ma bisogna capire fino in fondo se queste differenze possono essere davvero significative per la maggior parte degli utenti e, soprattutto, se i vantaggi di Hero11 possano giustificare un salto di prezzo tra i 150 e i 200 euro.

Onestamente, è molto difficile rispondere e una valutazione di questo tipo dipende fortemente dal tipo di utilizzo che si intende fare della fotocamera: per scopi professionali, evidentemente, poter arrivare ad una definizione di 5.3K è sicuramente un vantaggio. Se invece l’uso della action cam è di tipo ludico, a scopo “ricreativo", per vostro punto di vista la flessibilità di DJI Action 3 risulta di gran lunga superiore, soprattutto per il tema del meccanismo di aggancio magnetico. Non solo, perché Action 3 vanta un eccellente stabilizzazione delle immagini e arriva comunque al 45% di inclinazione per mantenere le immagini parallele all’orizzonte. Non solo, perché DJI Action 3 si aggancia facilmente ad un microfono esterno, per riprese audio migliori.

Da un punto di vista prettamente teorico, DJI Action 3 promette anche una migliore gestione della batteria e una conseguente durata superiore, ma è difficile tracciare un confine netto in questo senso, perché ci sono troppi parametri coinvolti. La definizione delle immagini, il numero di frame al secondo utilizzati, sono tra i dettagli che cambiano radicalmente il consumo della batteria.

DJI Osmo Action 3Fonte foto: MisterGadget.Tech

Bisogna ricordare anche un altro dettaglio importante, ovvero che nella DJI action 3 anche lo schermo frontale dispone delle funzioni touch e quindi si può controllare ogni aspetto della videocamera anche quando si stanno facendo riprese in modalità selfie senza la necessità di ruotare il dispositivo. Sembra una stupidata, ma è particolarmente utile quando si fanno riprese con la camera agganciata al suo supporto.

Osmo Action 3 Combo Standard – Action Camera 4K con FOV grandangolare, HorizonSteady, resistente al freddo, montaggio verticale a sgancio rapido, impermeabile fino a 16 m, doppio touchscreen

Osmo Action 3 Combo Standard – Action Camera 4K con FOV grandangolare, HorizonSteady, resistente al freddo, montaggio verticale a sgancio rapido, impermeabile fino a 16 m, doppio touchscreen

Due applicazioni eccellenti

Un’area di forza condivisa è quella della applicazione a supporto, che permette di controllare la videocamera durante le riprese, ma anche di trasferire i video e di effettuare dei montaggi molto veloci con il supporto dell’intelligenza artificiale, per un’immediata condivisione sui social network.

Entrambi le soluzioni funzionano davvero bene, bisogna però ricordare che GoPro per le opzioni più avanzate richiede un abbonamento. La scelta tra questi due dispositivi non è semplice, ma possiamo sicuramente garantire che sia DJI Action 3 che GoPro Hero11 Black offrono prestazioni di alto livello, con un evidente vantaggio nella qualità e nel dettaglio delle immagini da parte di quest’ultima.

Ancora una volta, però, solleviamo un interrogativo sull’effettivo valore di queste differenze: per molteplici utenti, probabilmente, la proposta di DJI a 200 euro in meno, soddisfa pienamente le esigenze d’uso nelle condizioni più disparate. Buona scelta.

Italiaonline presenta prodotti e servizi che possono essere acquistati online su Amazon e/o su altri e-commerce. In caso di acquisto attraverso uno dei link presenti in pagina, Italiaonline potrebbe ricevere una commissione da Amazon o dagli altri e-commerce citati. I prezzi e la disponibilità dei prodotti non sono aggiornati in tempo reale e potrebbero subire variazioni nel tempo: è quindi sempre necessario verificare disponibilità e prezzo su Amazon e/o su altri e-commerce citati.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963