Libero
WEARABLE

Samsung conferma: sta arrivando il Galaxy Ring

Samsung Galaxy Ring non è stato presentato al Galaxy Unpacked Event ma i primi render mostrati dall’azienda sudcoreana potrebbero confermare un arrivo imminente

Samsung Galaxy Ring Fonte foto: Samsung

Samsung Galaxy Ring è l’attesissimo anello smart a cui l’azienda sudcoreana sta lavorando ormai da parecchio tempo. Nelle settimane passate sono state molte le indiscrezioni al riguardo, incluse le voci su una presentazione ufficiale nel corso del Galaxy Unpacked Event dove sono stati mostrati i nuovissimi Samsung Galaxy S24, una presentazione che, alla fine, non ha avuto luogo o almeno non come i fan si aspettavano.

Con la classica dicitura “One more thing”, infatti, il colosso della tecnologia ha condiviso col mondo le prime informazioni sul Galaxy Ring ma senza mostrare nello specifico il prodotto. Non ha dato indicazioni troppo specifiche e non ha ancora rivelato la data d’uscita sul mercato, tuttavia durante presentazione TM Roh, capo della divisione mobile di Samsung, ha fornito qualche dettaglio che potrebbe confermare quel poco che sappiamo su questo smart ring.

Samsung Galaxy Ring, cosa sappiamo

TM Roh nel corso del Galaxy Unpacked Event ha mostrato le prime immagine ufficiali di Samsung Galaxy Ring e c’è un dettaglio che non è sfuggito agli osservatori più attenti e agli addetti ai lavori: le dimensioni. Il dispositivo, infatti, sembra avere sia un discreto spessore che una non trascurabile larghezza.

Pur trattandosi esclusivamente di render, le immagini sembrerebbero confermare un rumor che già da diverso tempo circola sul web e che, secondo i vari leaker, sarebbe alla base della mancata presentazione del nuovo anello smart.

Si dice, infatti, che il dispositivo sarebbe troppo grande per essere indossato comodamente e che Samsung, almeno in fase di sviluppo, si sarebbe concentrata più sulle funzionalità che sulla vestibilità del prodotto.

Una scelta con un doppio risvolto che, da una parte, potrebbe aver portato a un device con tante funzioni che andranno a coprire una vasta gamma di utilizzi, dal fitness fino ad arrivare al monitoraggio della salute, dall’altra un prodotto che ha bisogno di una ulteriore ottimizzazione prima di passare alla produzione di massa, nel tentativo di ridurne le dimensioni avvicinandolo a un anello normale.

Oltre a questo, sappiamo anche che il dispositivo sarà pienamente compatibile con tutto l’ecosistema Samsung, inclusa naturalmente la suite per il monitoraggio dei parametri vitali Samsung Health (e probabilmente le app di terze parti che hanno lo stesso compito) e con i vari sistemi di pagamento contactless, incluso naturalmente Samsung Pay.

Quanto costerà il Samsung Galaxy Ring

Nel corso della presentazione, però, è emerso un altro dettaglio interessante: TM Roh ha usato anche il termine “accessibile” per descrivere lo smart ring, una scelta che potrebbe potenzialmente indicare un dispositivo più economico rispetto a quelli della concorrenza.

Non c’è ancora un listino prezzi ma si possono fare delle ipotesi considerando tre smart ring già sul mercato: il Noise Luna Ring (disponibile al momento solo in India) costa 19.999 rupie indiane (221 euro); lo Smart ring boAt (sempre esclusiva per l’India) costa 8.999 rupie indiane (99,47 euro); Jakom R5, invece, costa 39,90 dollari (36,67 euro). Oura Ring, che forse è l’anello smart più famoso di tutti, costa 329 euro.

TAG: