Libero
delitto di avetrana sarah scazzi serie tv Fonte foto: Sky
TV PLAY

Il delitto di Avetrana torna in TV

Uno dei casi di cronaca più importanti degli ultimi anni diventa una serie tv. Ecco dove guardarla e di cosa parlerà

Il caso Scazzi è uno dei fatti di cronaca italiani più seguiti degli ultimi anni. Tutto ha inizio quando, nell’agosto 2010, ad Avetrana, comune in provincia di Taranto, una ragazza scompare. Lei si chiama Sarah Scazzi, ha quindici anni e da quel momento iniziano 42 giorni di ricerca che porteranno a una sconvolgente verità.

L’episodio si trasforma ora in una docu-serie, "Sarah. La ragazza di Avetrana", che debutterà su Sky Documentaries e in streaming su NOW. Lo show prodotto da Groenlandia ricostruisce in modo dettagliato tutti i dettagli del controverso caso giudiziario e mediatico, anche grazie a interviste e testimonianze. La serie si ispira all’omonimo libro scritto da Flavia Piccinni e Carmine Gazzanni e pubblicato da Fandango Libri nel 2020. È composta da quattro puntate e si concentra, non solo sulle vicende giudiziarie, ma anche sul modo in cui la vicenda venne spettacolarizzata, coinvolgendo tutto il paese di Avetrana e, in particolare, la famiglia della vittima.

Sarah. La ragazza di Avetrana: cosa mostrerà la docu-serie

Nella docu-serie emergeranno diversi aspetti del caso Scazzi. Innanzitutto, vuole narrare come abbia canalizzato l’attenzione mediatica, dove la ricerca della verità ad un certo punto è passata in secondo piano per focalizzarsi sugli aspetti più morbosi, legati al paese e alla famiglia coinvolta nella tragedia.

In particolare, si sofferma sul momento in cui viene annunciato il ritrovamento del cadavere di Sarah Scazzi in diretta tv, nel programma della Rai Chi l’ha visto? dove, in quel momento, era ospite Concetta Serrano Spagnolo, ma madre della vittima.

Lo zio Michele Misseri aveva, infatti, fatto ritrovare il corpo senza vita di sua nipote. Da quel momento, il Paese di Avetrana è stato, ancora di più, sotto gli occhi di tutti. Il 21 febbraio 2017 la corte suprema di cassazione ha condannato all’ergastolo per concorso in omicidio Sabrina Misseri e Cosima Serrano, rispettivamente la cugina e la zia di Sarah Scazzi. Anche Michele Misseri venne condannato a otto anni di reclusione per soppressione del cadavere e inquinamento delle prove, mentre suo fratello, Carmine Misseri è stato condannato per occultamento di cadavere.

L’evolversi delle vicende è narrata in modo dettagliato nella serie scritta da Flavia Piccinni, Carmine Gazzanni, Matteo Billi e Christian Letruria, per la regia di Christian Letruria. Nelle puntate non mancano diverse interviste esclusive, come quella al fioraio di Avetrana, testimone chiave del processo, che racconta dopo anni la sua versione dei fatti.

Nonostante ci siano state tre sentenze a mettere il punto, qualcuno sta ancora lottando per affermare un’altra verità. Tra questi c’è Franco Coppi, avvocato di Sabrina Misseri, che ha fatto ricorso alla Corte europea dei diritti dell’uomo.

Sarah. La ragazza di Avetrana: data di uscita

La docu-serie composta da quattro episodi sarà disponibile su Sky Documentaries dal 23 novembre alle 21.15, ma sarà disponibile anche on demand e in streaming su NOW.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963