Libero
beata te Fonte foto: Sky
TV PLAY

Serena Rossi e Fabio Balsamo insieme in Beata te

Nel nuovo film comico una donna di 40 anni riceve la visita dell’Arcangelo Gabriele che le annuncia avrà un figlio. Ma lei non è convinta...

Si può affrontare con umorismo, ma senza banalizzarlo, il delicato tema della maternità e dell’autodeterminazione femminile? La regista Paola Randi ci prova con Beata te, la nuova commedia Sky Original prodotta da Cinemaundici e Vision Distribution. Le riprese sono iniziate a Roma da poche settimane.

Prodotto da Olivia Musini e sceneggiato da Lisa Nur Sultan e Carlotta Corradi, il film è liberamente tratto dall’opera teatrale Farsi Fuori di Luisa Merloni. Randi, già nota ad esempio per La Befana vien di notte – Le origini, dirige un nutrito cast di attori e attrici "capeggiato" dai protagonisti Serena Rossi (celebre tra le altre cose per Ammore e malavita, Song ‘e Napule e La tristezza ha il sonno leggero) e Fabio Balsamo, volto noto dei The Jackal e già visto in (Im)perfetti criminali e Generazione 56 k. Il film non ha ancora un data di uscita, ma sarà disponibile prossimamente su Sky e NOW.

Il cast: chi recita in Beata te

Nel cast di Beata te, oltre ai già citati protagonisti, ci sono anche Paola Tiziana Cruciani, Gianni Ferreri, Valentina Correani, Elisa Di Eusanio, Corrado Fortuna, Emiliano Masala, Alessandro Riceci e Caterina Bernardi.

La trama: di cosa parla Beata te

Marta (interpretata da Serena Rossi) è una regista di teatro, sigle e tutto sommato soddisfatta della propria vita personale e lavorativa. Il giorno del suo quarantesimo compleanno, però, riceve una visita inaspettata: l’Arcangelo Gabriele (interpretato da Fabio Balsamo) che le annuncia la nascita di un figlio.

Marta però non è affatto sicura di volere un simile dono e chiede del tempo per pensarci. L’Arcangelo è colto alla sprovvista da questa richiesta, ma non può fare altro che trasferirsi temporaneamente a casa della donna, in attesa della sua decisione. Le due settimane che seguono sono dense di riflessioni e bilanci per la donna, mentre la strana convivenza si rivela a tratti esilarante.

«Quando Lisa Nur Sultan mi ha parlato dell’idea di Beata te l’ho trovata folgorante. Una donna che compie quarant’anni e vede materializzarsi davanti ai suoi occhi il famigerato orologio biologico nei panni dell’Arcangelo Gabriele», ha commentato la regista Paola Randi.

«La sceneggiatura, da lei scritta insieme a Carlotta Corradi, ha fatto il resto. La commedia italiana di grande tradizione incontra qui un sapore contemporaneo, internazionale, metropolitano, che sa essere graffiante, ma caldo e coinvolgente… Mi ha conquistata anche l’occasione di affrontare un tema importante come quello del diritto delle donne di scegliere se avere o meno un figlio, con leggerezza e al contempo profondità. Perché, come ci insegnano le maestre e i maestri, la commedia è libertà».

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963