skype Fonte foto: ArthurStock / Shutterstock.com
TECH NEWS

Skype non funziona il 26 aprile, cosa sta succedendo

Dal primo pomeriggio la piattaforma VoIP di proprietà di Microsoft ha smesso di funzionare. Ignote le cause del malfunzionamento

Un’avvisagli la si era già avuta in piena notte, tra le 3 e le 6 del mattino. Un orario, comunque, nel quale ben pochi internauti italiani sono online e tutto era passato piuttosto in sordina. Circa 12 ore dopo, però, i problemi sono tornati a manifestarsi nuovamente, tanto che centinaia di utenti in tutto il mondo (Italia inclusa) hanno iniziato a lamentarsi che Skype non funziona.

Dalle 15 circa del 26 aprile 2018, i server Skype risultano irraggiungibili, impedendo così alle centinaia di milioni di utenti che lo utilizzano quotidianamente di inviare messaggi testuali ed effettuare videochiamate o videoconferenze. Al momento non è ancora dato sapere perché Skype è down: Microsoft, che dal 2011 è proprietaria del software VoIP, non ha ancora reso note le motivazioni o le cause dietro lo stop al funzionamento. Nel frattempo, le segnalazioni su Downdetector continuano a crescere rapidamente, tanto che l’hashtag #skypedown è divenuto rapidamente un Trending Topic su Twitter.

Skype down, cosa succede

Dal momento che nessuno ancora si espone sulle reali cause del malfunzionamento Skype, è difficile escludere qualcuna delle ipotesi sul tavolo. Online qualcuno mormora di un possibile attacco hacker che avrebbe coinvolto i server Skype, ma l’ipotesi sembrerebbe perdere forza dal momento che alcuni servizi Skype sembrerebbero continuare a funzionare. Diversi utenti, infatti, segnalano che possono continuare a effettuare chiamate VoIP, mentre i messaggi di testo delle chat verrebbero rifiutati o consegnati con grande ritardo. Insomma, più che un attacco hacker, è probabile che ci sia qualche malfunzionamento di una parte dell’infrastruttura o un errore che coinvolge il protocollo per l’invio dei messaggi.

Con il passare dei minuti, comunque, la situazione va normalizzandosi, segno che i tecnici Microsoft hanno individuato il problema e stiano tentando di risolverlo.

TAG:

Contenuti sponsorizzati