GUIDE ALL’ ACQUISTO

Smart TV, quali caratteristiche e dove conviene acquistarla

A differenza dei televisori normali, le smart TV – ovvero la tv intelligenti – sono apparecchi in grado di ricevere oltre ai canali canonici anche altre tipologie di contenuti, collegandosi alla rete internet e consentendo l’installazione di applicazioni che abbracciano diverse funzionalità. Sul mercato ne sono presenti tantissimi modelli, ognuna con le sue caratteristiche specifiche da conoscere prima dell’acquisto.

Ogni modello di smart TV, anche se realizzato dalla stessa casa produttrice, è caratterizzato in maniera differente in modo da offrire una diversa gamma di servizi, in linea con le richieste di tutti i clienti. A differenza dei primi esemplari, piuttosto limitati seppure avanzati rispetto al formato tradizionale, oggi è possibile scegliere tra tantissime proposte accessibili a tutti i portafogli, di dimensioni più limitate o imponenti e dotate di un ventaglio di funzionalità talmente ampio da non avere quasi alcuna limitazione. Prima di lanciarsi nello shopping, però, è necessario capire meglio tutti i dettagli tecnici, in modo da poter effettuare una scelta ponderata e non lasciare nulla al caso.

Smart tv, quali caratteristiche tecniche considerare

Tra le caratteristiche più importanti da considerare quando ci si trova in fase di acquisto, vi sono sicuramente quelle relative allo schermo dalle dimensioni fino alla tipologia, alla risoluzione e alla frequenza di aggiornamento (o refresh rate). Poi, vista la natura di oggetto evoluto, va tenuto presente anche il processore utilizzato, in modo da avere a disposizione uno strumento performante.

Non meno importanti sono le modalità di connessione alla rete e agli altri device: per questo è indispensabile informarsi sulle capacità di accesso alla rete Wi-Fi, così come la possibilità di collegare un device esterno, tramite porta USB o HDMI. Ogni smart tv è poi caratterizzata da uno standard tv, così come è dotata di sistema operativo, necessario per il download e la gestione delle applicazioni che permettono l’accesso ai contenuti forniti dalla rete.

Schermo e display

Basta dare uno sguardo alle proposte per capire che le smart tv non sono tutti uguali. Tra gli schermi attualmente disponibili vi sono quelli LCD, LED, OLED e QLED che si differenziano per il tipo di tecnologia adottata. LCD è un acronimo che sta per Liquid Crystal Display e rappresenta gli schermi a cristalli liquidi, basato su un sistema a tre colori primari con retroilluminazione a lampade fluorescenti a catodo freddo. Sottili e leggeri rispetto al vecchio tubo catodico, sono più soggetti a problemi di latenza e di pixel bruciati, oltre che di contrasto poco accentuato.

Sono un passo avanti gli schermi a LED, ovvero Light Emitting Diode, e come i precedenti necessitano di una retroilluminazione basata proprio sui LED, a luce bianca o RGB. Rispetto ai precedenti sono più sottili e, nonostante il minore consumo energetico, possono sfoggiare colori più brillanti e un contrasto più netto.

Gli OLED (Organic Light Emitting Diode), invece, non hanno bisogno di retroilluminazione poiché i pixel stessi sono realizzati con materia organica che si illumina al seguito di impulsi elettrici. I colori sono estremamente vivaci ma, rispetto ai display LCD, hanno una durata di vita nettamente inferiore. Lo schermo a punti quantici, ovvero Quantum Dot Led, non è altro che quello conosciuto come QLED, ovvero schermi a LED con un filtro costituito da nanoparticelle di punti quantici tra i cristalli liquidi e la retroilluminazione. Reagendo agli impulsi elettrici, queste particelle sono in grado di produrre colori ricchi e vivaci.

Risoluzione

Anche la risoluzione è importante, visto che determina la qualità dell’immagine. Fortunatamente è un parametro non del tutto sconosciuto, quindi orientarsi non è poi così difficile. Tra gli schermi, le risoluzioni disponibili sono HD Ready, il più vecchio e ormai praticamente obsoleto a 1280×720 pixel a volte indicato anche come 720p, e Full HD, il minimo sindacabile per poter gustare non solo i normali canali ma anche i contenuti in alta risoluzione o forniti dalle principali piattaforme di streaming. In questo caso, la risoluzione viene indicata con le sigle 1080p o 1080i, corrispondenti a 1920×1080 px.

È decisamente la miglior risoluzione, almeno attualmente, ed è presente sulle smart tv di fascia alta. Con 4096×2160 pixel (in 16:9 se indicata come Ultra HD 4K, 3840×2160 px) di risoluzione, il 4K consente di gustare i contenuti tv standard e quelli delle piattaforme di streaming al massimo della qualità video. In quest’ultimo caso, però, la scelta è vincolata anche al tipo di connessione: infatti, se di bassa qualità, alcuni servizi potrebbero bloccare l’accesso a questa risoluzione o addirittura potrebbe essere poco fluida a causa delle limitazioni della rete. Ultima, ma ancora poco diffusa visti anche i prezzi poco accessibili, è la risoluzione 8K, in grado di arrivare a 7680×4320 pixel, per una qualità davvero sopra le righe.

Refresh rate (Hz)

Con il termine refresh rate, ovvero frequenza di aggiornamento, si indica la quantità di volte che la tv aggiorna l’immagine sul display per ogni secondo. Si misura in Herz e solitamente è disponibile in due formati: 60Hz e 120Hz. Qual è la differenza? Lo sfarfallio: maggiore è la frequenza e minore sarà questo disturbo. Ovviamente, per godere dei 120Hz è necessario avere delle sorgenti che trasmettono a tali frequenze: ciò accade soprattutto con i lettori Blu-Ray e le console di ultima generazione.

Processore

Per il processore le opportunità sono tante, in base alla casa produttrice e al modello della smart tv a cui si è interessati. Per fare la scelta giusta, però, bisogna pensare nei termini di un computer: migliore e più performante è il processore, più veloce sarà il caricamento dei contenuti, delle applicazioni e dei giochi. Inoltre, se dotata di funzione multi-screen, la smart tv sarà in grado di effettuare più operazioni in contemporanea senza fastidiosi lag.

Supporto Wi-Fi

Può sembrare superfluo ma invece non lo è: nonostante la maggior parte delle nuove smart tv sia dotata di supporto alla rete senza cavo, è fondamentale verificare la possibilità di connettere il proprio apparecchio al Wi-Fi casalingo. Se la presa a muro dovesse essere troppo lontana, ciò significherebbe dotarsi di un lungo cavo per attraversare la stanza, pena l’impossibilità di accedere a tutti i contenuti in streaming o extra.

Ingressi HDMI e USB

Attraverso gli ingressi HDMI e USB è possibile collegare dispositivi esterni alla smart tv, dalle console ai lettori dvd e Blu-Ray, fino alle chiavette di memoria e i dispositivi per la fruizione di contenuti. È importante verificarne gli standard (mai troppo arretrati o precedenti al 3.1, pena una visione lenta e frammentata se si tratta di USB) e, cosa non scontata, la presenza. Per quanto riguarda l’HDMI, dal 2013 è presente lo standard 2.0, che consente il supporto ai video 4K.

Standard TV

Con DVB T (Digital Video Broadcasting Terrestrial) e DVB T-2 si indicano gli standard di trasmissione del digitale terrestre, rispettivamente di prima e di seconda generazione. Rispetto alla prima, la generazione attuale (DVB T-2) presenta uno standard qualitativo visivo e sono più alto, con la possibilità di trasmettere – e quindi di ricevere – contenuti in alta qualità. La stessa tipologia di differenza si replica tra DVB S (Digital Video Broadcasting Satellite) e DVB S-2, solamente che in questo caso si tratta dello standard di trasmissione televisiva satellitare, di prima e seconda generazione. Ciò è importante per chi, alla propria smart tv, ha scelto di collegare un decoder satellitare. Rispetto al precedente formato, quello più recente permette l’accesso ai canali in HD.

Sistema operativo

Anche il sistema operativo non è uno standard tra le smart tv. Solitamente, vengono adottati o SO proprietari oppure altri di terze parti, come Android TV. La scelta, anche in questo caso, è di fondamentale importanza: infatti, non tutti i sistemi operativi dispongono della stessa scelta di applicazioni, visto che alcuni sviluppatori potrebbero scegliere di non rendere disponibile la propria app per quelli meno comuni o più obsoleti.

Di contro, i sistemi operativi delle case produttrici più importanti rientrano solitamente tra gli interessi degli sviluppatori, quindi se si hanno delle esigenze particolari vale la pena consultare il sito web dell’applicazione e verificare la presenza della versione dedicata alla smart tv che si desidera acquistare.

Come acquistare una Smart TV su Amazon

Acquistare una smart tv su Amazon è semplice: come per tutti gli altri prodotti, la piattaforma di shopping online mette a disposizione moltissimi modelli, tra i più recenti sul mercato. Per ognuno, fornisce caratteristiche e prezzi che potrebbero variare in base al venditore da cui si vuole effettuare l’acquisto, se Amazon o terzo.

Prima di procedere all’acquisto vale la pena verificare la garanzia offerta e le modalità di spedizione, in modo da essere sicuri che la smart tv arrivi a casa in tutta sicurezza e, in caso di problemi, ci sia la possibilità di rivolgersi direttamente a un seller in grado di fornire tutto il supporto necessario. In particolare, con l’avvicinarsi del Black Friday, è sempre meglio fare un salto tra le Offerte lampo per poter approfittare di eventuali sconti e ribassi che potrebbero consentire un acquisto a un prezzo ancora più vantaggioso.

Una volta scelto il modello e, se è disponibile, inserita nel carrello l’estensione di garanzia, è possibile procedere con l’acquisto vero e proprio della smart tv. In base ai tempi e alle modalità indicate, sarà possibile vedersi recapitare all’indirizzo indicato il nuovo televisore evoluto e godere di tutti i contenuti offerti dai canali tradizionali e dalle piattaforme online.

Scopri le migliori offerte di smart TV da comprare su Amazon

Italiaonline presenta prodotti e servizi che possono essere acquistati online su Amazon e/o su altri e-commerce. In caso di acquisto attraverso uno dei link presenti in pagina, Italiaonline potrebbe ricevere una commissione da Amazon o dagli altri e-commerce citati. I prezzi e la disponibilità dei prodotti non sono aggiornati in tempo reale e potrebbero subire variazioni nel tempo: è quindi sempre necessario verificate disponibilità e prezzo su Amazon e/o su altri e-commerce citati.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963