Libero
stranger things Fonte foto: Netflix
TV PLAY

Stranger Things 4: cinque cose che non sono piaciute ai fan

La quarta stagione dello show Netflix non ha ricevuto solo apprezzamenti. Ecco le principali critiche degli spettatori

È raro, o forse impossibile, che un film o una serie tv ottengano esclusivamente pareri positivi: più o meno contenuta, ci sarà sempre una quota di pubblico che muoverà qualche critica. È successo anche con la quarta stagione di Stranger Things, il cui finale è uscito su Netflix a inizio luglio.

Dopo aver visto gli episodi finali, gli spettatori non hanno manifestato solo entusiasmo e soddisfazione per il progetto dei fratelli Duffer. Online ci sono diversi pareri contrastanti. Alcune critiche hanno a che fare con l’impostazione narrativa che è stata data alla stagione 4, mentre altre riguardano più che altro delle aspettative tradite: alcuni fan speravano infatti che sarebbe stato dedicato più spazio a certe vicende e personaggi che, invece, sono finiti in secondo piano. Ecco allora quali sono stati i principali pareri negativi su Stranger Things 4: attenzione, seguono spoiler!

Eddie se ne è andato troppo presto

Il personaggio di Eddie è stato subito molto amato dal pubblico, ma ha avuto una parabola breve: introdotto solo all’inizio della quarta stagione, è morto nel gran finale. Tra l’altro, è stato l’unico co-protagonista a venire ucciso nello scontro conclusivo. Entrambi i punti hanno lasciato scontenti diversi spettatori.

La struttura narrativa non è cambiata

Secondo altri, invece, un limite di Stranger Things 4 è la struttura narrativa prevedibile, perché troppo simile a quella delle precedenti stagioni: una minaccia arriva dal Sottosopra, tutti la sottovalutano, i protagonisti si attrezzano come possono per sconfiggerla, Undici salva la situazione in extremis. Come nella terza stagione, inoltre, la serie si chiude con il dubbio sulla sopravvivenza di un personaggio (Hopper prima, Max adesso).

La sottotrama di Undici senza poteri

Nonostante sia stata importante per rivelare un pezzetto del passato di Vecna, alcuni spettatori hanno scritto di aver mal tollerato la sottotrama di Undici nel laboratorio alle prese con i tentativi per recuperare i suoi poteri. Il motivo? Troppo prevedibile: era ovvio che alla fine avrebbe ottenuto di nuovo le sue capacità.

Il ruolo di Will, Jonathan e Mike

Il cosiddetto "gruppo californiano" dei protagonisti (Mike, Jonathan e Will) ha avuto un ruolo abbastanza marginale nella trama. Inoltre, alcuni aspetti delle loro vite – la probabile omosessualità di Will, la crisi amorosa di Jonathan… – sono stati solo accennati oppure risolti frettolosamente. Anche questo è stato al centro di alcune critiche.

Il finale è stato troppo frettoloso

La quarta stagione di Stranger Things è, di fatto, un’anticipazione della quinta e ultima stagione, in uscita nel 2024: alcune vicende sono rimaste volutamente aperte. Nonostante ciò, ad alcuni fan non è piaciuto il modo in cui piccoli e grandi questioni portate avanti nel corso della stagione 4 sono poi state liquidate frettolosamente nell’episodio finale. È il caso della morte di Eddie, della parabola personale di Steve e anche del ricongiungimento tra Undici e Hopper.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963