caricabatteria-originale Fonte foto: Shutterstock
HOW TO

Utilizzare un caricabatterie non originale rovina lo smartphone?

Usare un caricabatteria non originale non porta all’esplosione dello smartphone, ma bisogna fare attenzione all’azienda che lo ha prodotto

23 Marzo 2018 - Sfatiamo un falso mito: utilizzare i caricabatterie non originali non rovina la batteria e non fa esplodere lo smartphone. A patto, però, che il caricabatteria non originale sia prodotto da un’azienda affidabile specializzata nella realizzazione di accessori compatibili per smartphone. Altrimenti il rischio di far danni è molto elevato.

La batteria e la sicurezza dello smartphone è uno dei temi più dibattuti tra gli appassionati di telefonia. In molti sostengono che utilizzare un caricabatterie non originale a lungo andare rovini la batteria del dispositivo. Questo è completamente falso: ad essere pericolosi sono i caricabatterie difettosi o realizzati con poca cura, siano essi originali o meno. Molte volte si è letto sui siti di informazione specializzati di smartphone che hanno preso fuoco durante la notte mentre erano in carica e gli utenti utilizzavano dei caricabatteria originali. Quindi il problema non è se il caricabatteria è originale o meno, ma se è costruito a regola d’arte.

Le regole da seguire quando si ricarica uno smartphone

La fase di ricarica è una delle più delicate per un dispositivo. Se il caricabatterie è difettoso potrebbe non dosare alla perfezione l’energia elettrica e far surriscaldare la batteria fino a farle prendere fuoco. O rovinarla e perdere di potenza. Per questo motivo si consiglia di utilizzare il caricabatteria originale, dato che vengono testati prima di essere messi in vendita, ma non deve essere un obbligo. Anche tra gli accessori non originali ci sono molti dispositivi compatibili che assicurano le stesse prestazioni di quelli presenti all’interno della scatola dello smartphone. Se dovete acquistare un caricabatteria non originale vi suggeriamo quelli della Belkin, della RAVPower e della Anker che hanno un buon rapporto qualità-prezzo e sono realizzati con molta cura.

Inoltre, quando si mette sotto carica uno smartphone, per essere sicuri di non rovinare la batteria è necessario seguire delle semplici regole: in primis non si deve ricaricare il telefonino fino al 100% e non si deve andare sotto il 20% di autonomia. Poi è preferibile ricaricare lo smartphone all’interno di una stanza con una temperatura compresa tra i 10 e i 30 gradi. Inoltre, per essere sicuri che lo smartphone non si surriscaldi troppo, non lo utilizzate  quando è in carica.

Contenuti sponsorizzati