whatsapp Fonte foto: oasisamuel / Shutterstock.com
TECH NEWS

WhatsApp pronto a denunciare chi invia troppi messaggi

WhatsApp ha aggiornato i Termini di servizio e minaccia di denunciare le aziende di comunicazione che sfruttano la piattaforma per inviare messaggi spam

WhatsApp rischia di diventare un paradiso per gli spammer e, se ci sono troppi messaggi fastidiosi su una piattaforma, gli utenti scappano. È per questo che WhatsApp sta iniziando a fare la voce grossa contro le aziende che usano i messaggi di WhatsApp Business in modo troppo aggressivo.

Nei giorni scorsi, infatti, WhatsApp ha annunciato che procederà per le vie legali contro coloro che violano i Termini di Servizio della piattaforma. Ma non solo: WhatsApp se la prende anche con quanti fanno tutto ciò per conto di terzi, cioè le agenzie di comunicazione. E, infine, l’azienda minaccia addirittura di fare denunce in base ad informazioni raccolte al di fuori della piattaforma. Un avvertimento molto chiaro, quello di WhatsApp, e anche molto aggressivo, che si aggiunge alle già esistenti politiche antispam che non vengono sostituite né eliminate ma, al contrario, potenziate.

La minaccia di WhatsApp

A partire dal 7 dicembre 2019 – si legge nelle nuove e aggiornate FAQ del servizio di messaggistica – WhatsApp intraprenderà azioni legali nei confronti di coloro che riteniamo siano coinvolti o assistano altri in abusi che violano i nostri Termini di servizio, come la messaggistica di massa o automatizzata o l’uso non personale, anche se tale determinazione si basa su informazioni disponibili al di fuori della nostra piattaforma“. Per informazioni “off-platform” WhatsApp intende anche le affermazioni pubbliche da parte delle aziende sulla loro capacità di utilizzare WhatsApp in modi che violano i termini del servizio. In altre parole: se una agenzia di comunicazione si vanta, in ogni luogo possibile online o offline, di poter mandare migliaia di messaggi automatizzati per conto delle aziende clienti, rischia una denuncia da parte di WhatsApp.

Perché WhatsApp sta bannando il tuo account

WhatsApp, a chiusura della nuova nota sulla sua FAQ, precisa che le azioni legali andranno a rinforzare le politiche antispam già presenti. Quindi l’azienda potrà continuare a bannare gli account che violano i termini del servizio o che usano algoritmi di intelligenza artificiale e machine learning per inviare pubblicità agli utenti.

WhatsApp per il business

Anche queste misure di “pulizia” servono a preparare il campo all’espansione di WhatsApp nel settore business. Da tempo Zuckerberg e i suoi studiano come monetizzare l’enorme potenziale di WhatsApp e uno dei modi per farlo passa certamente per WhatsApp Business. Sulla piattaforma aziendale di WhatsApp, infatti, è già arrivato Catalog: un primo abbozzo di e-commerce integrato in WhatsApp. E’ chiaro, però, che il servizio di messaggistica non potrà diventare una piattaforma seria ed efficiente per fare affari se sarà invasa dallo spam. Anche perché, qualora lo fosse, gli utenti scapperebbero in massa.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963