Windows-10-trucchi Fonte foto: g0d4ather / Shutterstock.com
TECH NEWS

Windows 10 a pagamento: arriverà l’abbonamento mensile

Secondo un’indiscrezione proveniente dagli Stati Uniti, Microsoft starebbe lavorando per introdurre un abbonamento all’interno di Windows 10

9 Agosto 2018 - La notizia arriva dagli Stati Uniti e sembra avere più di qualche fondamento: Windows 10 diventerà a pagamento e sarà necessario pagare un abbonamento mensile per utilizzare il sistema operativo di Microsoft. Non è la prima volta che si paventa una soluzione del genere, ma ora sembra che l’azienda di Redmond si sia convinta a introdurre un canone mensile da far pagare agli utenti per utilizzare Windows 10.

Come molti di voi sapranno, da oramai un paio di anni Microsoft ha reso gratuiti gli aggiornamenti di Windows 10: se si acquista un nuovo computer non è necessario comprare una nuova licenza per fare l’update del proprio sistema operativo. Ma nei prossimi mesi le cose potrebbero cambiare. A pubblicare la notizia il sito statunitense CNET che cita fonti interne all’azienda: Microsoft avrebbe creato una divisione ad hoc per far diventare Windows 10 a pagamento.

Chi dovrà pagare l’abbonamento di Windows 10

Microsoft sta lavorando su un nuovo servizio: Microsoft Managed Desktop che permette di configurare tutti i computer che utilizzano Windows 10 presenti all’interno della stessa  Rete. Il servizio è rivolto soprattutto alle grandi aziende che necessitano di ottimizzare i tempi per la manutenzione e la configurazione dei computer che lavorano all’interno dello stesso network. Microsoft Managed Desktop verrà lanciato nei prossimi e farà diventare Windows 10 a pagamento.

Come avrete capito, l’abbonamento al sistema operativo di Microsoft dovrà essere pagato solamente dalle aziende che vorranno utilizzare Microsoft Managed Desktop.

Windows 10 sarà a pagamento anche per i privati?

Per il momento sembra scongiurata l‘ipotesi che anche i semplici utenti domestici debbano pagare il cannone mensile per poter utilizzare Windows 10. Per i privati gli aggiornamenti del sistema operativo resteranno gratuiti e non bisognerà sottoscrivere nessun abbonamento.

Contenuti sponsorizzati