pc windows 10 Fonte foto: Shutterstock
TECH NEWS

Windows 10 dice stop agli aggiornamenti non importanti

Windows 10 blocca gli aggiornamenti opzionali fino a maggio a causa dell'epidemia Covid-19. Ecco cosa cambia per gli utenti

Il coronavirus ferma gli update di Windows 10 e Windows Server: a causa della diffusione anche negli Stati Uniti della pandemia del Covid-19, infatti, Microsoft non rilascerà fino a data da destinarsi alcun aggiornamento cumulativo opzionale a partire da maggio. Cioè gli aggiornamenti non di sicurezza.

L’ultimo di questi aggiornamenti sarà quindi quello che Microsoft rilascerà a fine aprile, poi i due sistemi operativi riceveranno solo gli update di sicurezza per mantenere i PC al sicuro da eventuali nuove minacce da parte di virus o hacker. Microsoft normalmente rilascia “features update” ogni settimana, scaglionandoli in modo da non sovrapporre gli aggiornamenti destinati agli utenti finali con quelli destinati agli amministratori di sistema e ai responsabili IT delle aziende. Una macchina che, fino ad ora, non si era mai fermata ma che, da maggio, verrà interrotta per un numero ancora imprevedibile di settimane.

Il messaggio di Microsoft

Microsoft spiega sul suo sito il perché di questa decisione: “Abbiamo valutato la situazione della salute pubblica e comprendiamo che ciò sta influenzando i nostri clienti. In risposta a queste sfide stiamo dando priorità agli aggiornamenti di sicurezza. A partire da maggio 2020, sospenderemo tutti gli aggiornamenti non di sicurezza opzionali (aggiornamenti C e D) per tutte le versioni supportate dei prodotti client e server di Windows (Windows 10, versione 1909 e Windows Server 2008 SP2). Non è stata apportata alcuna modifica agli aggiornamenti di sicurezza mensili“. Gli aggiornamenti C e D sono proprio quelli che non riguardano la sicurezza ma la correzione di piccoli e grandi bug delle funzionalità di Windows 10. Tali aggiornamenti vengono di solito rilasciati nella terza e quarta settimana del mese, mentre quelli di sicurezza nelle prime due.

Si fermano anche Edge e Chrome

Una decisione simile Microsoft l’ha presa anche per gli aggiornamenti del suo browser Edge, che per un po’ non riceverà aggiornamenti opzionali. Lo stesso provvedimento è stato annunciato da Google il 18 marzo, relativamente agli aggiornamenti facoltativi di Chrome e Chrome OS: “Il nostro obiettivo primario è garantire che Chrome continui a essere stabile, sicuro e affidabile per chiunque ha necessità di usarlo. Continueremo a dare la priorità a tutti gli aggiornamenti relativi alla sicurezza, che saranno inclusi in Chrome 80“.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963