Libero
ANDROID

Che cos'è il nuovo Ultra HDR di Google

Google sta per lanciare la funzione Ultra HDR con lo scopo di catturare e visualizzare immagini HDR sui dispositivi con sistema operativo Android compatibili

google foto Fonte foto: sdx15 / Shutterstock

Nel corso del Google I/O 2023, Big G ha presentato molti dei nuovi prodotti in arrivo sul mercato tra cui il Google Pixel Fold, il primo foldable dell’azienda, il Google Pixel 7a, smartphone economico della famiglia dei Pixel e il Google Pixel Tab. Nel corso della conferenza, però, ha trovato posto anche qualche informazione in più sul nuovo Android 14, che porterà molte novità legate a Google Foto e al mondo dell’imaging. Tra queste spicca sicuramente una funzione chiama Ultra HDR che, stando alle promesse di Google, “aiuterà gli utenti a catturare e visualizzare immagini HDR su dispositivi Android compatibili”.

Google Ultra HDR: come funziona

Nei piani del colosso di Mountain View c’è l’intenzione di apportare numerosi miglioramenti alle foto, grazie a una nuova funzionalità chiamata Ultra HDR che sarà inserita all’interno di Google Foto. Dalle notizie condivise dall’azienda, sarà compatibile anche con i JPG e non si limiterebbe, dunque, alle immagini con una maggiore gamma dinamica, tipo i file RAW o HEIF, ad esempio.

Questa nuova tecnologia in pratica consiste in un ulteriore livello di informazioni, che prende il nome di “Gain Map“, che viene aggiunto al momento dello scatto. Questi dati, catturati dal sensore fotografico, permetteranno quindi alle applicazioni compatibili che riproducono l’immagine di regolare automaticamente ciò che viene mostrato, mostrando così colori più vividi, contrasto e luminosità maggiori.

Questo sistema garantirebbe anche la corretta riproduzione dell’immagine anche su app e dispositivi che non sarebbero compatibili con l’Ultra HDR che, in piena autonomia, mostreranno la foto in SDR, con una gamma dinamica standard, semplicemente ignorando le informazioni della Gain Map.

Inoltre l’azienda di Mountain View ha specificato che l’impostazione sarà inserita automaticamente in Android 14 e in Google Foto, lasciando agli sviluppatori di applicazioni di terze parti la scelta se utilizzare o meno le immagini Ultra HDR. Non ci sono ancora conferme ufficiali ma, la maggior parte degli sviluppatori di applicazioni dovrebbero accettare di buon grado la nuova tecnologia. Ad esempio Adobe che ha già rinnovato il suo sostegno a Google.

Tuttavia, bisogna sottolineare che alcuni programmi di editing e le piattaforme social potrebbero rimuovere automaticamente le mappe del guadagno durante l’upload del file. Così facendo, ovviamente, la foto non avrà più la modalità di visualizzazione Ultra HDR e sarà riprodotta con una gamma dinamica standard.

Ultra HDR: gli smartphone compatibili

Sempre nel corso del Google I/O l’azienda ha confermato di aver lavorato insieme a Qualcomm per portare le immagini Ultra HDR sui device che utilizzano Snapdragon 8 Gen 2. Quindi, non appena questi dispositivi saranno aggiornati ad Android 14, potranno utilizzare tranquillamente la nuova funzione. Naturalmente è confermata la compatibilità con l’applicazione Google Camera presente sui Pixel.

TAG: